Rivoluzionaria plastica autopulente respinge tutti i superbatteri tra i più letali

Il team di ricercatori della McMaster University ha sviluppato una pellicola trasparente, utilizzabile per coprire gli apparati essenziali negli ospedali e persino nelle cucine per prevenire la diffusione di agenti patogeni potenzialmente letali.
La nuova superficie di plastica – una forma trattata di pellicola trasparente convenzionale – è termoretraibile, applicabile su maniglie delle porte, ringhiere e altre superfici che possono essere magneti per attirare batteri come lo Staphylococcus aureus MRSA e E. coli.
Il materiale trattato è ideale anche per l’imballaggio alimentare, dove potrebbe impedire il trasferimento accidentale di batteri come E. coli, salmonella, listeria, e batteri da carni crude e altri alimenti, secondo uno studio pubblicato sulla rivista ACS Nano.
Lo studio è stato condotto dai ricercatori Leyla Soleymani e Tohid Didar, hanno collaborato con i colleghi dell’Istituto per la ricerca sulle malattie infettive della McMaster University e il Canadian Centre for Electron Microscopy (Centro canadese per microscopia elettronica) presso la McMaster University.
La nuova superficie di plastica ispirata dalla foglia di loto idrorepellente, funziona attraverso una combinazione d’ingegneria a livello di superficie su scala nanometrica e chimica. La superficie è strutturata con rughe microscopiche che escludono tutte le molecole esterne, ad esempio, una goccia d’acqua o di sangue, rimbalza quando atterra in superficie. Lo stesso vale per i batteri.
Leyla Soleymani ricercatrice in dispositivi biomedici miniaturizzati, presso il Dipartimento di fisica ingegneristica, ha detto:
«Strutturalmente stiamo affinando questa plastica, è un materiale che ci dà qualcosa che può essere applicato a ogni tipo di cosa».
La superficie inoltre è trattata chimicamente per migliorare ulteriormente le sue proprietà repellenti, creando una barriera flessibile, durevole e poco costosa da riprodurre.
Tohid Didar ricercatore della McMaster University, ingegnere meccanico e biomedico, ha collaborato alla ricerca, ha aggiunto:
«Questa tecnologia può essere utilizzata in ogni tipo di ambiente istituzionale e domestico; mentre il mondo è impegnato ad affrontare la crisi della resistenza antimicrobica, speriamo che diventi una parte importante della cassetta degli attrezzi antibatterici».
Leyla Soleymani e Tohid Didar, con la collaborazione di Eric Brown dell’Istituto di Ricerca sulle Malattie Infettive della McMaster University, hanno testato il materiale utilizzando due delle forme più problematiche di batteri resistenti agli antibiotici: lo Staphylococcus aureus MRSA (si è evoluto sviluppando una resistenza agli antibiotici beta-lattamici, che comprendono le penicilline) e Pseudomonas (un batterio comune presente in tutto il mondo nel suolo, nell’acqua e nelle piante).
L’ingegner Kathryn Grandfield ha aiutato il team a verificare l’efficacia della superficie della plastica acquisendo immagini al microscopio elettronico, dimostrando che davvero respinge tutti i tipi di contaminanti, compresi i batteri multi-farmaco resistenti.
I ricercatori sperano di lavorare con un partner commerciale per sviluppare applicazioni commerciali, iniziando con un ospedale prima di lavorare per i consumatori di tutti i giorni.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →