Ritratti: ecco dove dormono i bambini di tutto il mondo (foto)

James Mollison è nato in Kenya nel 1973 ed è cresciuto in Inghilterra. Dopo aver studiato arte e design all’Oxford Brookes University, cinema e fotografia alla Newport School of Art and Design, si è trasferito in Italia per lavorare presso Fabrica il laboratorio creativo di Benetton.
Mollins da agosto 2011 con Patrick Waterhouse ha lavorato come redattore creativo per Colors Magazine. Nel 2009 per il notevole successo nell’arte della fotografia come fotografo britannico di sotto i trentacinque anni ha vinto il Vic Odden Award della Royal Photographic Society. Il suo lavoro è stato ampiamente pubblicato in tutto il mondo, incluso Colors, The New York Times Magazine, The Guardian Magazine, The Paris Review, GQ, New York Magazine e Le Monde.
Il suo ultimo libro pubblicato nel novembre 2010 “Dove dormono i bambini ” (vedi) è la storia di diversi bambini in tutto il mondo, raccontata attraverso i ritratti e le immagini della loro stanza da letto (clicca la foto per vedere altre immagini).

Ritratti di bambini di tutto il mondo e dove dormono
Il progetto iniziato come impegno per i diritti dei bambini in breve si è trasformato in una meditazione sulla povertà e privilegi con le sue cinquantasei immagini che spaziano dalle cave di pietra del Nepal alle province agricole della Cina ai cucchiaini d’argento della Fifth Avenue.
James Mollison ha detto che sin dall’inizio, non voleva soffermarsi solo sui ‘bambini bisognosi’ nel mondo in via di sviluppo, ma piuttosto in qualcosa di più inclusivo, sui bambini in tutti i tipi di situazioni.
La cosa più interessante del libro è che anche se è stato scritto e presentato a un pubblico di 9-13 anni di età per coinvolgerli nei dettagli della vita di altri bambini in tutto il mondo, e le questioni sociali che li riguardano, sono anche un serio saggio fotografico per un pubblico adulto.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento