Ricreato in 3D il volto di una donna vichinga (foto)

Gli studiosi dell'università di Dundee hanno contribuito a ricreare il volto di una donna vichinga grazie al suo scheletro, rinvenuto a York più di 30 anni fa.
 
Donna vichingaLa ricostruzione facciale per realizzare un modello digitale 3D, è stata fatta con il laser-scanning del teschio.
Gli occhi sono stati creati digitalmente, con capelli e un copricapo per completare il look (vedi foto ingrandita).
Lo scheletro femminile utilizzato è uno dei quattro trovati negli scavi a Coppergate in York.
Il processo di ricostruzione è stato eseguito al computer con tecnologie speciali che permettono di "sentire" che cosa si modella sullo schermo. L'anatomia del volto, dalla profondità dei muscoli alla superficie, è stata modellata in "argilla virtuale".
Janice Aitke, ricercatore della Dundee University, ha curato la ricostruzione digitale, ha aggiunto gli ultimi ritocchi.
Ha spiegato:
"Ho lavorato con lo stesso tipo di software utilizzato nel cinema per le animazioni in 3D, ho creato digitalmente occhi realistici, i capelli, il copricapo. Ho aggiunto il colore per creare un look naturale.
E'molto gratificante sapere che il lavoro realizzato dalla Dundee University, sarà visto da migliaia di persone che si recheranno al Museo Vichingo di Jorvik.
Il volto della donna vichinga, aiuterà le persone a identificarsi con i loro antenati".
, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento