Ricercatori dell’Università di Jena hanno svelato il ruolo del grugnito nel tennis

I grugniti prodotti da alcuni giocatori di tennis quando colpiscono la palla, superano i livelli di rumore di 100 decibel, sono alla pari con quelli prodotti da moto o motoseghe.
I fan mentre reagiscono a queste impressionanti espirazioni con fastidio o divertimento, l’abitudine è stata anche una fonte d’intenso dibattito tra i professionisti. Serena Williams per esempio, ha detto che non è infastidita dalle avversarie che grugniscono nel furore della competizione; al contrario, l’ex numero uno al mondo Martina Navratilova ha lamentato che grugnire  copre il suono della racchetta che colpisce la palla, rendendo – slealmente – più difficile prevedere la sua traiettoria.
La questione – se questo comune reclamo sia giustificato -, è stata ora esaminata in un nuovo studio di un team di psicologi dello sport guidato dal dott. Florian Müller e dal prof. Rouwen Cañal-Bruland dell’Università di Jena.

Esperimento con rumori di grugniti manipolati
Il team di ricerca per questo studio, ha condotto una serie di esperimenti in cui sono stati mostrati a giocatori esperti i video clip di una partita di tennis professionale. I partecipanti dopo aver osservato i colpi alla palla, dovevano determinare la sua traiettoria e indicare dove sarebbe atterrata (gran parte dei partecipanti, non aveva valutato che l’intensità dei grugniti era manipolata).

Il grugnito previene la previsione del volo della palla
I risultati indicano che il grugnito ha un effetto, ma non quello sostenuto da Martina Navratilova, non c’erano prove che causassero un effetto di distrazione; indipendentemente dall’intensità dei grugniti, nonostante la presunta irritazione,  era lo stesso il livello di errore dei partecipanti nel prevedere dove sarebbe atterrata la palla.
Invece, è stato dimostrato che più forte era il grugnire, più i partecipanti pensavano che la palla sarebbe volata. La reazione è stata osservata anche quando i rumori potevano essere sentiti solo dopo che la racchetta aveva impattato con la palla, com’è usuale in molte partite professionali. Florian Müller ha detto:
«Supponiamo che i giocatori siano consapevoli dei benefici fisiologici del grugnire. E’ stato dimostrato da altri ricercatori che l’aria espirata con forza attiva la muscolatura addominale, fornendo una forza supplementare che permette ai giocatori di colpire più forte, rendendo la palla più veloce. Ciò forse spiega il motivo per cui come risultato del grugnito si può osservare un effetto, ma la capacità di anticipare la traiettoria della palla rimane inalterata».

La percezione nello sport come interazione di molteplici impressioni sensoriali
I risultati dello studio, secondo Florian Müller e i suoi colleghi, suggeriscono che la rivendicazione di Martina Navratilova deve essere riconsiderata. E’ la prova per gli psicologi dello sport, che nella competizione sportiva sono importanti anche le impressioni sensoriali diverse dalla vista e che gli scienziati in futuro dovrebbero esaminarle più da vicino; anche per questo motivo vogliono rimanere “sulla palla” e indagare ulteriormente il fenomeno.
I partecipanti nel prossimo studio per avvicinarsi alle condizioni del mondo reale, dovranno prendere una pallina da tennis  in tempo reale sul touchscreen.
L’esperimento in definitiva potrebbe anche essere condotto durante una partita reale su un campo da tennis, a condizione che nessuno nelle vicinanze sia disturbato da grugniti eccessivamente forti.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →