Ricercatori dell’Harvard Medical School hanno ringiovanito i topi anziani, ora tentano di farlo con gli esseri umani

Ronald DePinho, scienziato dell’Harvard Medical School, responsabile dello studio condotto con il suo gruppo di ricercatori, ha rigenerato i corpi di topi anziani trasformandoli in animali sani e nuovamente giovani.

Il processo dell'invecchiamento non è completamente noto, quello che i ricercatori sanno è che i radicali liberi, che sono particelle molto reattive create naturalmente all'interno del corpo umano, danneggiano le cellule e causano il processo d'invecchiamento (altre cause note che determinano l'invecchiamento sono la luce ultravioletta, il fumo e fattori ambientali).
Lo scienziato DePinho con i suoi colleghi ricercatori dell’Harvard Medical School, ha scoperto che una terapia anti-invecchiamento chiamata "accorciamento dei telomeri" è in grado di ringiovanire gli organi vecchi e usurati con il beneficio di ridurre problemi di salute legati all'età come la demenza e le malattie cardiache.
Il corpo umano in genere contiene cellule che hanno 23 coppie di cromosomi, all'estremità d’ogni cromosoma è presente un "cappuccio di protezione" chiamato telomero. Ogni volta che una cellula si divide, il telomero s'accorcia, ciò contribuisce a generare il processo d'invecchiamento: la cellula scende in uno stato di sospensione chiamato "senescenza" o muore.
Lo scienziato DePinho e il suo team di ricercatori, per contrastare il processo d'invecchiamento sono riusciti ad eliminare l'enzima telomerasi. dopo aver geneticamente manipolato i topi.

Topi ringiovaniti
La telomerasi
è un enzima che impedisce l'accorciamento dei telomeri. I topi utilizzati nei test di laboratorio avevano problemi connessi all'invecchiamento precoce: perdita dell'olfatto, sterilità, dimensione del cervello più piccolo, organi come l'intestino danneggiato. I topi dopo essere stati sottoposti ad iniezioni per riattivare la telomerasi, hanno invertito i segni della vecchiaia, i tessuti che erano distrutti sono stati riparati.
Lo scienziato DePinho, ha spiegato:
"Quello che abbiamo visto in questi topi, non è stato solo un rallentamento del processo d'invecchiamento, abbiamo visto un inaspettato ringiovanimento. Ciò potrebbe portare a strategie per aumentare il potenziale per rigenerare e ringiovanire gli organi, quindi a migliorare la qualità della vita.
I topi molto vecchi hanno evidenziato i segni del cambiamento dopo appena un mese di trattamento: tra i diversi organi rigenerati, il cervello ha mostrato una crescita di nuovi neuroni.
La terapia anche se è ideale per i topi, impegnerà la ricerca per utilizzarla sull'uomo: potenziare i livelli di telomerasi negli esseri umani, è vero che può rallentare il processo d'invecchiamento, ma, allo stesso tempo con l'allungamento della vita potrebbe aumentare il rischio del cancro".
David Kipling, un ricercatore dell'Università di Cardiff, esperto d'invecchiamento, ha detto:
"L'obiettivo del ringiovanimento dei tessuti umani è quello d'eliminare le cellule senescenti, oppure compensare gli effetti deleteri che danneggiano organi e tessuti.
Lo studio sui topi ringiovaniti è affascinante ma deve tener presente che non sono uomini, soprattutto per quanto riguarda i loro telomeri; la ricerca attuale non chiarisce se una simile riattivazione telomerase nell'uomo adulto porterebbe alla rimozione di cellule senescenti".
Lo scienziato DePinho con i suoi colleghi ricercatori dell’Harvard spera di continuare a lavorare su questa terapia, al fine di renderla accessibile agli esseri umani, senza causare effetti collaterali gravi, come il cancro.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento