Raddoppiate in cinque anni le violazioni dei diritti umani nei paesi UE

La Grecia, la Bulgaria, la Polonia e la Romania sono i peggiori paesi dell’Unione europea a offrire la giustizia attraverso i processi penali, come emerso in uno studio comparativo di violazioni del diritto degli individui alla libertà e un processo equo registrato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU).
I ritardi nel portare i casi in esame sono stati il motivo più comune per le decisioni critiche. In alcuni paesi dell’UE la custodia cautelare può durare fino a quattro anni, altri non hanno un termine massimo legale.
I dati raccolti dal Fair Trials International (un ente di beneficenza che difende i diritti delle persone ad affrontare accuse penali al di fuori del proprio paese), coprono un periodo di cinque anni tra il 2007 e l’estate del 2012.
I problemi sembrano essere sempre peggiori, con trentasette violazioni del diritto a un equo processo penale negli Stati membri dell’UE nel 2007, e settantacinque nel 2011 – con un incremento di oltre il 100%.
La Grecia nel periodo di cinque anni ha il più alto numero di violazioni – 108 – per entrambi gli articoli. La maggior parte si riferisce a ritardi cronici nel portare i casi in tribunale. Gli interpreti – come mette in guardia, lo studio -, non sono sempre disponibili.
La Bulgaria ha avuto 92 violazioni registrate dalla CEDU, la maggior parte anche a causa di ritardi eccessivi. Il rapporto rileva che i detenuti spesso non hanno contatti sufficienti con avvocati e con le proprie famiglie.
La Polonia, con 67 violazioni, ha commesso infrazioni del requisito della Corte di Strasburgo che indica il diritto di consulenza legale per gli imputati che nel corso delle indagini sono in stato di detenzione ed hanno subito lunghi rinvii per essere giudicati.
La Romania, con 49 violazioni, è stata criticata per non aver permesso a detenuti, presunti innocenti, di contestare la legalità della loro detenzione, e di aver utilizzato testimoni di comodo per accusare i detenuti.
Le cifre del Regno Unito con 12 violazioni nel corso dei cinque anni, con un minor numero di violazioni registrate in Italia e la Francia, sono relativamente basse.
Il Regno Unito nel 2011, al netto della dimensione della popolazione, aveva uno dei migliori indici accettabili riferiti all’articolo 5 (diritto alla libertà) e all’articolo 6 (diritto a un processo equo) della Convenzione europea sui diritti dell’uomo. I peggiori indici quelli di Malta e Lettonia.
Il modello di errori giuridici riflette pressapoco l’economia del continente, con gli Stati più poveri i meno utilizzatori di giustizia equa e tempestiva: Fiera Trials International ha utilizzato le informazioni per produrre una mappa che valuta ogni Stato dell’UE in termini di difficoltà di diritto penale.
Jago Russell, direttore generale di Fair Trials International, ha detto:
«I diritti dei sospetti sono violati nelle stazioni di polizia, nei tribunali e nelle carceri di tutta l’Europa. Nell’Unione europea fondata sullo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani fondamentali, questi abusi non possono essere consentiti.
L’Unione europea ha un ruolo cruciale da svolgere nel migliorare gli standard di giustizia in Europa, ma se non riesce ad agire ora, la fiducia dei cittadini nella legislazione comunitaria in materia, come il mandato d’arresto europeo sarà compromesso».
Fair Trials International chiede uno standard comune dell’Unione europea, perché chiunque prima di essere portato davanti a un tribunale, può essere detenuto in custodia cautelare.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento