Quando il cervello non conosce la paura

I ricercatori dell'Università dello Iowa hanno individuato la parte del cervello che induce le persone a provare paura – una scoperta che potrebbe migliorare il trattamento del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e le condizioni di ansia 

Lo studio pubblicato sulla rivista Current Biology, indaga su come l'emozione della paura è governata da una regione del cervello a forma di mandorla chiamata amigdala.
La protagonista di questo studio è una paziente con una rara malattia che ha distrutto la sua amigdala.
 I ricercatori hanno analizzato la sua risposta a stimoli spaventosi come quelli di una casa stregata con serpenti e ragni e la visione di un film horror. Hanno chiesto delle sue esperienze traumatiche nel suo passato – comprese le situazioni che avevano messo in pericolo la sua vita.
I ricercatori hanno scoperto che la paziente senza il funzionamento dell'amigdala, non è in grado di provare paura.
 Gli studi negli ultimi cinquanta anni hanno dimostrato che l'amigdala svolge un ruolo centrale per creare reazioni di paura negli animali come i ratti e le scimmie; per la prima volta, questo studio conferma che l'amigdala è necessaria anche per innescare uno stato di paura negli esseri umani.
Daniel Tranel,
Ph.D., professore di neurologia e psicologia, autore dello studio ha detto:
 "La scoperta potrebbe portare a nuovi interventi di cura per il PTSD (Disturbo post traumatico da stress) e correlati disturbi d'ansia: secondo il National Institute of Mental Health, Il PTSD ha colpito più di 7,7 milioni di americani (nel 2008 come riferito dalla Rand Corporation, trecentomila soldati sono tornati dai combattimenti nel Medio Oriente con problemi di PTSD).
La psicoterapia e i farmaci sono le opzioni terapeutiche attuali per il PTSD. La cura potrebbe essere ulteriormente raffinata e sviluppata con l'obiettivo di colpire l'amigdala".
Justin Feinstein, laureando in neuropsicologia clinica, autore principale dello studio, ha detto:
"I risultati suggeriscono che smorzare l'attività dell'amigdala con metodo sicuro e non invasivo, può aiutare le persone con PTSD.
Lo scorso anno, ho iniziato a curare i reduci sofferenti di PTSD, tornati a casa dall'Iraq e dall'Afghanistan. Le loro vite sono segnate dalla paura, spesso sono incapaci di lasciare anche la loro casa a causa della sempre presente sensazione di pericolo, in netto contrasto con la paziente di questo studio: la donna è immune a questi stati di paura, non mostra sintomi di stress post-traumatico. Gli orrori della vita non sono in grado di penetrare il suo nucleo emotivo. In sostanza, gli eventi traumatici non lasciano impronte emotive nel suo cervello".
Feinstein,
per esaminare il ruolo dell'amigdala, ha osservato e registrato le risposte della paziente mentre era esposta a serpenti e ragni (comunemente due degli animali più temuti), durante la visita a una  delle più spaventose case stregate del mondo, e mentre guardava una serie di film horror.
Feinstein
ha misurato anche i livelli di paura della paziente con un gran numero di questionari standardizzati, per sondare diversi aspetti della paura, come la morte e parlare in pubblico. Inoltre, nel corso di un periodo di tre mesi, la paziente durante la giornata ha annotato in un diario informatizzato il suo livello di paura.
In tutti gli scenari, la paziente non è riuscita a provare paura, neanche nella sua vita quotidiana, quando ha attraversato numerosi eventi traumatici che hanno minacciato la sua stessa esistenza.
Feinstein, ha spiegato:
"Presi insieme, questi risultati suggeriscono che l'amigdala umana è una zona cruciale del cervello che fa scattare uno stato di paura. La paziente è in grado di provare altre emozioni come la felicità e la tristezza ma non riesce a sentire la paura. Ciò suggerisce che il cervello è organizzato in modo tale che una sua regione specifica l'amigdala – è specializzata per l'elaborazione di una specifica emozione – la paura.

 

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento