Qual è il miglior modo per disappannare il parabrezza dell’auto? Lo svela Caecilia Ewenz, docente di meteorologia

Ti alzi al mattino, fuori c’è il gelo, fa freddo, sei in ritardo per andare al lavoro. Entri in  macchia, il parabrezza è tutto appannato. Cosa fai? Accendi il riscaldamento o l’aria condizionata?

La dottoressa Caecilia Ewenz, docente di meteorologia e scienze ambientali presso la Flinders University d’Adelaide, non ha dubbi, per disappannare il parabrezza utilizzare l’aria condizionata. Spiega:
“L’appannamento è causato dal vapore acqueo (umidità) che condensa sulla superficie interna del parabrezza.
L’aria fresca del climatizzatore asciuga l’aria, rimuovendo l’umidità. Il flusso d’aria asciutta sopra il parabrezza assorbe l’umidità e l’allontana dal vetro.
Il riscaldamento dell’aria asciugherà il parabrezza attraverso l’evaporazione ma immetterà più umidità nell’aria che si condensa nuovamente sul parabrezza e può peggiorare la situazione.
L’aria calda contiene effettivamente molta umidità. A 20 gradi centigradi, un chilo d’aria può contenere fino a 24 grammi d’umidità, mentre a 10 gradi ne contiene 12 grammi per chilo.
E’ inevitabile in una mattina fredda e nebbiosa anche prima di aprire le portiere trovare il parabrezza dell’auto appannato. L’aria del giorno precedente rimasta intrappolata nell’abitacolo dell’auto, è più umida rispetto al livello d’umidità esterna, anche il parabrezza sarà un po’ più freddo rispetto al resto dell’aria in macchina perché il vetro è in diretto contatto con il dispositivo di raffreddamento dell’aria esterna.
Il parabrezza tenderà ad appannarsi maggiormente quando si arriva in macchina perché la temperatura corporea riscalda l’aria, aumentando il punto di rugiada. In più c’è l’aria calda ed umida supplementare causata dalla respirazione che aumenta ulteriormente l’umidità in macchina. Tutta quest’aria calda e umida si raffredda quando incontra l’aria fredda in macchina e quando si raffredda, rilascia l’umidità che si condensa a contatto di una superficie fredda come quella del parabrezza.
In pratica, dopo aver indirizzato l’aria fredda del climatizzatoree sul parabrezza e averlo disappannato, come fai a non farlo appannare per il resto del viaggio?.
Il modo migliore di procedere è avviare il climatizzatore con l’aria fredda, poi aumentare lentamente la temperatura. Ve n’accorgerete di essere andati troppo in là con il climatizzatore freddo (per questo bisogna alzare la temperatura) se il parabrezza inizierà nuovamente ad appannarsi”.

Trovato sul web – Piccolo trucco per non far appannare il parabrezza dell’auto:
Prendi un pezzo di scottex, versaci una goccia di detersivo per piatti, dopodiché strofina per bene il parabrezza dall’interno avendo cura di non lasciare aloni…
Vedrai che come per magia non ti si appannerà più il vetro (l’effetto non è eterno, l’operazione va ripetuta di tanto in tanto, però funziona alla grande…). E’ lo stesso principio dei panni antiappannamento venduti nei negozi accessori per auto, ma più economico.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento