Psicologia: una semplice forma geometrica può essere minacciosa? Sì, la V

Tutti i mammiferi, compresi gli umani, hanno sviluppato un meccanismo complesso e sensibile di rilevamento delle minacce, ciò può portarci a temere i serpenti, i luoghi oscuri … e persino alcune forme geometriche molto specifiche.

Forma a V
Christine L. Larson, Joel Aronoff, Issidoros C. Sarinopoulos e David C. Zhu autori dello studio intitolato “Recognizing Threat: A Simple Geometric Shape Activates Neural Circuitry for Threat Detection“,  riportato integralmente su Academia, hanno scritto:
«E’ stato dimostrato che l’urgente necessità di riconoscere rapidamente il pericolo dipende dall’elaborazione preferenziale in circuiti neurali dedicati. In precedenti studi comportamentali che hanno esaminato il modello del volto durante la visualizzazione della rabbia, abbiamo trovato la prova che semplici forme geometriche non contigue contenenti angoli a forma di V rivolti verso il basso attivano la percezione della minaccia.
Riportiamo che il circuito neurale noto per essere attivato da molti modelli minacciosi, realistici e contestuali è anche innescato dalla forma più semplice di questo modello di movimento a forma di V, un triangolo che punta verso il basso. Nello specifico, mostriamo che semplici forme geometriche contenenti solo forme a V rivolte verso il basso provocano una maggiore attivazione dell’amigdala, della corteccia cingolata anteriore sottogengurale, del giro temporale superiore e del giro fusiforme, nonché delle regioni visive extrastriate, di quanto non facciano le presentazioni della forma a V identica che punta verso l’alto Λ.
La semplice forma a V è in grado di attivare reti neurali che consentono la rilevazione di minacce e affetti negativi, suggerendo che il riconoscimento del potenziale pericolo può essere basato, in parte, su segnali visivi molto semplici e privi di contesto».

Dean Burnett (neuroscienziato, autore, divulgatore, cabarettista, blogger e molte altre cose), nel suo libro The Happy Brain, spiega:
«Fondamentalmente, la conclusione era che quei triangoli appuntiti attivano il sistema di rilevamento delle minacce. Non lo fanno in modo sostanziale, altrimenti passeremmo il giorno a tremare per la paura delle lettere dell’alfabeto o degli aquiloni, ma, anche così, ha una certa logica. Molti pericoli naturali, come la faccia di lupi, zanne, artigli, barbe, ecc., hanno una forma a V».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →