Proteina anticoagulante presente nella saliva delle zecche previene la trombosi

La collaborazione tra ricercatori brasiliani e statunitensi potrebbe aprire nuove strade per il trattamento della trombosi, la principale causa di morte tra i malati di cancro. Lo studio pubblicato su Blood, descrive la struttura di Ixolaris, un’importante proteina anticoagulante presente nella saliva della zecca, e la sua interazione con il fattore Xa, enzima chiave nel processo di coagulazione del sangue.
Lo studio è stato condotto da Ana Paula Valente, Viviane de Paula, Robson Monteiro e Fabio C. L. Almeida, dell’Università Federale di Rio de Janeiro, in collaborazione con Nikolaos Sgourakis, dell’Università della California, Santa Cruz, e Ivo Francischetti, del National Institute of Health, negli Stati Uniti.
Gli effetti anticoagulanti di Ixolaris erano già noti, ma questa è la prima descrizione del meccanismo molecolare della sua azione sul funzionamento del fattore Xa, un enzima che gioca un ruolo cruciale nella coagulazione del sangue.
I ricercatori utilizzando la risonanza magnetica nucleare, sono stati in grado di costruire un modello 3D della struttura formata dall’associazione di queste due proteine.
Il risultato senza precedenti offre importanti spunti per comprendere i meccanismi molecolari che stanno dietro l’emostasi, un complesso processo che regola la coagulazione del sangue, il cui malfunzionamento può portare alla trombosi. L’aspettativa è che, da tale studio, sarà possibile nel suo complesso sviluppare farmaci in grado di interrompere la formazione di coaguli senza interferire nel processo di emostasi.
La sequenza di fenomeni che portano alla coagulazione del sangue coinvolge diverse proteasi, enzimi come il fattore Xa agiscono attivando o inattivando altre proteine.
Ana Paula Valente, docente presso l’Università Federale di Rio de Janeiro, ha detto:
«La sfida è di sviluppare un inibitore specifico che non interferisce con altri enzimi simili del corpo. Ixolaris ha il vantaggio di legarsi a un sito non canonico, cioè un sito più specifico per quell’enzima.
La comprensione di queste strutture e dei loro meccanismi è fondamentale per l’avanzamento degli studi in questo settore. Le informazioni strutturali sono scarse perché sono sistemi enormi e impegnativi. Il grande merito di questo studio è che siamo stati in grado di ottenere informazioni molecolari rilevanti da un sistema di tale difficoltà».
Viviane de Paula, prima autrice del lavoro, docente all’Università Federale di Rio de Janeiro, collabora con l’Università della California Santa Cruz, ha detto:
«I risultati possono anche contribuire allo sviluppo di nuovi trattamenti per la trombosi. Lo studio sulla struttura 3D apre numerose possibilità per la progettazione di farmaci basati sulla struttura, mirati ai fattori umani di coagulazione, potrebbero essere utilizzati come scelta terapeutica per attenuare la coagulazione e l’infiammazione associata alla trombosi».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →