Professore biomolecolare potrebbe aver sviluppato un vaccino contro l’HIV

Phil Berman professore biomolecolare dell’Università della California a Santa Cruz (è un pioniere nello sviluppo di vaccini ricombinanti per l’AIDS e altre malattie infettive. I suoi interessi di ricerca includono lo sviluppo di vaccini, terapie e diagnostica per la prevenzione e il trattamento di malattie infettive, nonché lo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione commerciale di glicoproteine ricombinante complesse), dopo quasi tre decenni di lavoro pensa di essere vicino allo sviluppo di un vaccino contro l’HIV.
Phil Berman dal suo arrivo presso l’università nel 2006, ha ricevuto milioni di dollari in sovvenzioni dal National Institutes of Health per continuare i suoi precedenti lavori di sviluppo di vaccini candidati che potrebbero aiutare i medici a prevenire la diffusione di uno dei virus più devastanti del mondo.
Il vaccino ora in esame – secondo un comunicato stampa dell’Università – è una riscrittura di un vaccino precedente chiamato AIDSVAX, che Phil Berman nel 1990 ha progettato mentre lavorava per Genentech (una società biotecnologica passata nel 2009 sotto il controllo di Roche).
In Thailandia dal 2003 al 2009 uno studio su larga scala di 16.000 persone nel prevenire nuove infezioni da HIV ha dimostrato che AIDSVAX ha avuto un tasso di successo del 31%. E’ stata l’unica volta che un vaccino contro l’HIV ha funzionato. L’unico problema è che il tasso del 31% era un valore troppo basso per le agenzie di regolamentazione del farmaco, per dichiararlo idoneo come vaccino contro le nuove infezioni richiedono una protezione di almeno il 60%.
Phil Berman invece di ricominciare, lentamente ha affinato il suo vaccino per la produzione di anticorpi di gran lunga più potenti in grado di attaccare il virus HIV; poiché l’HIV può mutare in modo casuale e rapidamente, questi “anticorpi neutralizzanti” in linea di massima sono fondamentali per rendere il vaccino più efficace.

La chiave per il nuovo vaccino
Phil Berman concentrandosi sull’elemento chiave di precise molecole di zucchero sulla superficie del vaccino, crede che il suo vaccino sarà in grado di penetrare la complessa superficie delle molecole del virus HIV. Ha detto:
«Alcuni degli anticorpi più potenti sono quelli che si legano a questi zuccheri, mancavano nei precedenti modelli. Stiamo cercando di creare una protezione completa in modo che il virus non ottiene un punto d’appoggio».
Phil Berman anche se i progressi su questo tipo di lavoro sono lenti, dopo trent’anni è impaziente di testare il vaccino in un contesto più ampio. Il vaccino entro tre anni è sulla buona strada per andare alla sperimentazione clinica.
L’HIV / AIDS è uno dei problemi medici più gravi e difficili del mondo, secondo un rapporto del 2013 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 35 milioni di persone (tra cui 3,2 milioni di bambini) vivono con l’HIV / AIDS in tutto il mondo. Nello stesso anno, 1,5 milioni di persone sono morti per cause correlate all’HIV.
Il dato più preoccupante, secondo UNAIDS, è che su 35 milioni di persone con HIV / AIDS, 19 milioni non erano a conoscenza di essere state infettate, perché anche se c’è stato un aumento di campagne nazionali e internazionali per incoraggiare le persone a fare il test, una parte del problema è stata lo stigma che circonda la malattia e di conseguenza l’esitazione delle persone a fare il test.

Sradicare lo stigma
L’uso di specifiche HIV, AIDS e programmi di educazione sessuale di riproduzione che interessano i diritti delle persone che vivono con l’HIV è un modo ben documentato di sradicare lo stigma. Le persone che vivono con HIV oltre ad essere a conoscenza dei propri diritti, possono avere il potere per intervenire se questi diritti sono violati.
In definitiva, in attesa di poter utilizzare un vaccino efficace come quello di Phil Berman, è nell’interesse del pubblico l’adozione di un approccio basato sui diritti umani per l’HIV e l’AIDS, per questo non sradicare i blocchi di stigma impedisce l’accesso a test HIV e trattamento dei servizi, rendendo più probabile  la trasmissione del contagio. L’eliminazione degli ostacoli a questi servizi è la chiave per porre fine all’epidemia globale di HIV.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento