Prima volta al mondo, in tempo reale, medici condividono aggiornamenti su Twitter, mentre eseguono interventi chirurgici a cuore aperto (video)

Vi siete mai chiesti cosa succede sotto i ferri mentre i chirurghi eseguono operazioni delicate che ci tengono in vita? Il consiglio per i “cuori sensibili“, è di non guardare la pagina Twitter dedicata, qui, i medici del Memorial Hermann Hospital di Houston Northwest, condividono in diretta le loro performance in meno di 140 caratteri.
E’ la prima volta al mondo che i medici, durante un intervento chirurgico a cuore aperto, hanno twittato e inoltrato in diretta immagini vivide trasmesse istantaneamente in streaming video (visione del video non consigliata a persone facilmente impressionabili)

Il Memorial Hermann Hospital, in una nota ha detto che l’intervento chirurgico a cuore aperto eseguito su un paziente di cinquantasette anni (in evidenza il battito del cuore), è stato eseguito per risolvere un problema d’angina e ridurre il rischio di morte per malattia coronarica.
Lo scopo della trasmissione in diretta su Twitter è quello di fornire un “educativo sguardo di condivisione all’interno di un intervento al cuore”.
Alcuni video e foto mozzafiato postate su Twitter, illustrano come il personale medico opera con estrema precisione sul cuore che batte.
Il primo intervento chirurgico a cuore aperto, trasmesso in diretta su Twitter è durato due ore. E’ stato eseguito dal Dr. Michael P. Macris, leader nello sviluppo e utilizzo di tecniche per eliminare il supporto dei macchinari per mantenere il cuore battente durante l’intervento chirurgico.
Su Twitter.com, puoi seguire su @ houstonhospital i vari tweet di chi ha visto e vedrà in diretta i successivi interventi chirurgici a cuore aperto (sulla stessa pagina, Top delle foto e video); puoi utilizzare l’hashtag # mhopenheart per unirti alla conversazione.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento