Polvere chimica potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di Co2

Gli scienziati dell’Università di Waterloo hanno creato una polvere in grado di catturare CO2 da fabbriche e centrali elettriche. La polvere, creata nel laboratorio di Zhongwei Chen, professore d’ingegneria chimica presso Waterloo, può filtrare e rimuovere la CO2 in strutture alimentate da combustibili fossili prima che sia rilasciata nell’atmosfera ed è due volte più efficiente dei metodi convenzionali. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Carbon.
Zhongwei Chen ha detto:
«Il nuovo processo per manipolare le dimensioni e la concentrazione dei pori potrebbe anche essere usato per produrre polveri di carbonio ottimizzate per le applicazioni che includono la filtrazione dell’acqua e lo stoccaggio di energia, altro principale tema di ricerca nel mio laboratorio.
In futuro sarà sempre più importante trovare il modo di affrontare tutte le emissioni di CO2 prodotte dalla combustione di combustibili fossili».
Le molecole di CO2 si attaccano alla superficie del carbonio quando vengono a contatto con esso, un processo noto come adsorbimento. Poiché è abbondante, economico e rispettoso dell’ambiente, questo rende il carbonio, un materiale eccellente per la cattura di CO2.
I ricercatori, che hanno collaborato con colleghi di diverse università in Cina, hanno cercato di migliorare le prestazioni di adsorbimento manipolando la dimensione e la concentrazione dei pori nei materiali a base di carbonio.
La tecnica che hanno sviluppato utilizza calore e sale per estrarre una polvere di carbonio nero dalla materia vegetale. Le sfere di carbonio che compongono la polvere hanno molti pori, la stragrande maggioranza di loro ha un diametro inferiore al milionesimo di metro.
Zhongwei Chen è anche titolare di una cattedra di ricerca canadese di livello 1 in materiali avanzati per l’energia pulita, in conclusione ha aggiunto:
«La porosità di questo materiale è molto elevata, questi pori per le loro dimensioni possono catturare la CO2 in modo molto efficiente. Le prestazioni con questo metodo sono quasi raddoppiate».
La polvere una volta satura di anidride carbonica in grandi fonti specifiche come le centrali elettriche a combustibili fossili, sarebbe trasportata in siti di stoccaggio e sepolta in formazioni geologiche sotterranee per evitare il rilascio di CO2 nell’atmosfera.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →