Persone con determinati gruppi sanguigni possono avere maggiori probabilità di contrarre il Covid-19

Introduzione
La sindrome respiratoria acuta grave-coronavirus 2 (SARS-CoV-2), la causa del Covid-19, ha provocato una pandemia globale, travolgendo i sistemi sanitari moderni e rimodellando l’economia mondiale; nonostante le devastanti conseguenze della SARS-CoV-2, non tutti gli individui sembrano essere ugualmente suscettibili a contrarre il coronavirus Covid-19.
Recenti studi di associazione sull’intero genoma hanno identificato il “locus” responsabile dell’espressione del gruppo sanguigno ABO (H), il primo polimorfismo descritto nella popolazione umana ben oltre un secolo fa, come uno dei predittori genetici più significativi del rischio di infezione da SARS-CoV-2. Sebbene studi precedenti e successivi confermino questi risultati, dati aggiuntivi non sono riusciti a osservare un’associazione simile tra lo stato del gruppo sanguigno ABO (H) e l’infezione SARS-CoV-2; anche se le differenze nel numero della popolazione in studio e altre variabili possano influenzare questi risultati, studi collettivi in generale garantiscono un esame diretto di una possibile associazione tra gli antigeni del gruppo sanguigno ABO (H) e SARS-CoV-2.
I gruppi sanguigni ABO (H) non sono solo i primi polimorfismi descritti nella popolazione umana, ma sono anche i più riconosciuti. La presenza naturale di anticorpi contro gli antigeni del gruppo sanguigno ABO (H) in individui che non esprimono queste stesse strutture polimorfiche possono causare reazioni trasfusionali emolitiche potenzialmente fatali dopo trasfusione e rigetto acuto grave dell’innesto dopo il trapianto.
È possibile che gli anticorpi anti-gruppo sanguigno possano anche influenzare l’infezione da SARS-CoV-2 attraverso l’impegno di presunti antigeni del gruppo sanguigno ABO (H) sulla superficie del virus. Tuttavia, questi anticorpi possono essere trovati in individui di più gruppi sanguigni (per esempio gli anticorpi anti-gruppo sanguigno B sono presenti sia negli individui del gruppo sanguigno A sia in quelli del gruppo sanguigno O) e quindi potrebbero non spiegare completamente la propensione degli individui del gruppo sanguigno A in particolare, per mostrare un aumento del rischio di infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, sebbene gli antigeni ABO (H) possano influenzare la progressione della malattia, 10 studi iniziali hanno suggerito che l’aumento del rischio fosse principalmente associato alla probabilità di infezione iniziale, a questo proposito, il meccanismo con cui gli antigeni ABO (H), e in particolare quelli del gruppo sanguigno A, influenzano la probabilità di infezione è ancora sconosciuto.

Antigene del gruppo sanguigno A
Il nuovo studio fornisce ulteriori prove che le persone con determinati gruppi sanguigni possono avere maggiori probabilità di contrarre il coronavirus Covid-19, nello specifico, ha scoperto che il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) è particolarmente attratto dall’antigene del gruppo sanguigno A presente sulle cellule respiratorie.
I ricercatori si sono concentrati su una proteina sulla superficie del virus SARS-CoV-2 chiamata dominio di legame del recettore (RBD), che è la parte del virus che si lega alle cellule ospiti. Ciò lo rende un obiettivo importante per gli scienziati che cercano di apprendere come il virus infetta le persone.
Il team di ricercatori nello studio di laboratorio pubblicato il 3 marzo 2021 nella rivista Blood Advances, ha valutato come il SARS-CoV-2 RBD interagiva con i globuli rossi e respiratori nei gruppi sanguigni A, B e O.
I risultati hanno mostrato che il SARS-CoV-2 RBD aveva una forte preferenza per il legame al gruppo sanguigno A trovato sulle cellule respiratorie, ma non aveva preferenze per i globuli rossi del gruppo sanguigno A o altri gruppi sanguigni trovati sui globuli rossi o respiratori.
La preferenza del SARS-CoV-2 RBD di riconoscere e legarsi all’antigene del gruppo sanguigno A trovato nei polmoni delle persone con gruppo sanguigno A può fornire informazioni sul potenziale legame tra il gruppo sanguigno A e l’infezione da coronavirus Covid-19.
Sean Stowell ricercatore della Brigham and Women’s Hospital, autore dello studio ha detto:
«È interessante notare che il RBD virale preferisce solo il tipo di antigeni del gruppo sanguigno A che si trovano sulle cellule respiratorie, che sono presumibilmente il modo in cui il virus sta entrando nella maggior parte dei pazienti e li infetta. Il gruppo sanguigno è una sfida perché è ereditato e non è qualcosa che possiamo cambiare, ma se riusciamo a capire meglio come il virus interagisce con i gruppi sanguigni nelle persone, potremmo essere in grado di trovare nuovi farmaci o metodi di prevenzione».
I ricercatori hanno evidenziato che questi risultati da soli non possono descrivere o prevedere completamente in che modo i coronavirus potrebbero influenzare i pazienti di vari gruppi sanguigni.
Sean Stowell e il suo team in conclusione hanno detto:
«La nostra osservazione non è l’unico meccanismo responsabile di ciò che stiamo vedendo clinicamente, ma potrebbe spiegare parte dell’influenza del gruppo sanguigno sull’infezione da coronavirus Covid-19».

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →