Perché la popolazione di Gaza è così giovane?

La densità di popolazione della Striscia di Gaza è stata contestata, ma in confronto con altre città, Gaza City, con una popolazione di circa 750.000 persone, è senza dubbio un’area urbana densamente popolata, ciò va in qualche modo a spiegare l’elevato numero di vittime nel conflitto in corso iniziato un mese fa: 63 israeliani e circa 1.460 palestinesi (tra questi 245 bambini).
Perché così tanti bambini? Si scopre che ci sono insolite caratteristiche sulla struttura della popolazione di Gaza, che la rendono un enigma nel mondo moderno. In primo luogo, la popolazione della Striscia di Gaza di circa 1,8 milioni di persone ha una percentuale insolitamente elevata di bambini. Le cifre per il 2013 di Index Mundi, la fonte internet dei dati nazionali, mostrano che il 43,5 per cento della popolazione sono sotto i 14 anni, rispetto al 32 per cento in Egitto e il 27 per cento in Israele.
L’età media a Gaza è di 18 anni, contro una media mondiale di 28 anni. Nella maggior parte dei paesi europei è di circa 40 anni, ed è di 30 anni in Israele. Solo in una dozzina di paesi in Africa l’età media è più bassa, raggiungendo i 15 anni in Uganda.

Stipendi più alti per chi ha più figli
Allora perché ci sono così tanti bambini a Gaza? I demografi dicono che è una combinazione d’insoliti fattori. Uno è la percentuale insolitamente bassa di donne palestinesi che ha un posto di lavoro. Jon Pedersen dell’Istituto Fafo, un centro di ricerca demografica e sociale a Oslo, in Norvegia, co-autore di uno studio completo di un decennio fa sulla demografia di Gaza spiega:
«E’ il luogo al mondo, dove le donne lavorano meno fuori di casa, gli ultimi dati del Palestinian Central Bureau of Statistics mostra che il 14,7 per cento delle donne è nel mercato del lavoro. Nella maggior parte degli altri paesi, la media è molto superiore, per esempio tra il 70 e l’80 per cento in Scandinavia. Anche in altri paesi del Medio Oriente con culture simili a Gaza, le proporzioni delle donne che lavorano fuori di casa sono significativamente più alte. In Giordania, per esempio, il 16 per cento delle donne ha un lavoro.
I dati di Index Mundi mostrano che il tasso di fertilità a Gaza, è di 4,4 figli per donna (è tra i più alti al mondo, anche se il dato è costantemente sceso da un picco di 8,3 figli per donna nel 1991), a fronte di un tasso di 3 figli in Israele (da considerare un tasso globale complessivo più alto, in media circa 6 figli fra gli ebrei ortodossi di Haredi). In Europa in molti paesi, il tasso di fertilità è attestato su due figli.
Il secondo fattore che contribuisce per l’alto tasso di fertilità è che, mentre le donne sono costrette a casa, i loro mariti tradizionalmente guadagnano più soldi quando aumenta il numero di figli. I datori di lavoro sono disposti a pagare di più».

Tanti figli non sono un problema d’ignoranza
La maggior parte delle famiglie di Gaza fa affidamento su un unico stipendio, hanno più margine di manovra per far crescere i nuclei familiari a differenza delle regioni come la Scandinavia, dove entrambi i genitori devono lavorare per sbarcare il lunario.
Il puzzle, però, è perché così tante donne di Gaza – in particolare quelle che sono ben istruite scelgono di avere grandi famiglie, piuttosto che intraprendere una carriera professionale? Il tasso di natalità femminile nella maggior parte dei paesi, di solito con una migliore istruzione crea maggiori opportunità di carriera per le donne, ma il modello a Gaza non riesce a seguire questo indirizzo. Uno studio pubblicato nel 2006 ha rilevato che nonostante l’elevato livello d’istruzione tra le donne di Gaza (quasi tutte hanno almeno nove anni d’istruzione) e il tasso di mortalità dei bambini relativamente basso (intorno al 25 per 1000 nati), poche donne hanno scelto di intraprendere una carriera indipendente.
La ricerca ha scoperto che durante la rivolta Intifada che ha avuto inizio nel 1987, c’è stato un aumento dei tassi di matrimonio, con molte donne istruite pronte a sposare uomini meno istruiti. Sara Randall antropologa presso l’University College di Londra, co-autore dell’indagine del 2006 ha detto:
«Le donne palestinesi hanno molti bambini non perché non conoscono la contraccezione, o non possono accedere alla contraccezione, in realtà vogliono molti bambini».

Chiamata alle armi
Lo studio di Randall per il confronto ha coinvolto nelle interviste 16.204 donne di Gaza e 4.900 donne giordane, ha concluso che l’Intifada è stato un fattore guida fondamentale per l’ondata di matrimonio e tassi di natalità. Negli anni dell’Intifada del 1989 e del 1990, ad esempio, le donne rispetto al 1980 avevano 1,4 volte più probabilità di sposarsi. L’aliquota durante l’Intifada per le donne più istruite era ancora più elevata, pari al doppio che nel 1980. Lo studio in conclusione ha evidenziato:
«A Gaza se i livelli straordinariamente elevati di fertilità sono anche una risposta a lungo termine per l’oppressione politica e di un bisogno percepito di aumentare il numero dei palestinesi, ciò non può essere desunto dai dati disponibili, certamente sembra essere un’ipotesi plausibile. In una situazione in cui l’impotenza, la sottoccupazione e l’emarginazione hanno lasciato poche opportunità per l’espressione della propria identità, la riproduzione è una delle poche libertà che resta, e contribuisce anche al più ampio obiettivo di aumentare il popolo palestinese».
Jon Pedersen dell’Istituto Fafo ha aggiunto:
«Il senso del dovere per espandere la popolazione è un fattore che non può essere respinto. Ci sono state dichiarazioni di Hamas che invitano le donne ad avere più figli per creare un esercito più grande».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento