Perché il cappuccio della penna BIC è forato?

La società BIC nel 1991 ha presentato al mondo una nuova soluzione di design per le sue penne che è rimasta completamente inosservata da parte della maggioranza delle persone: un piccolo foro nella parte superiore del cappuccio della popolare penna Cristal. Tutti conoscono queste penne a sfera, poche persone hanno fatto attenzione all’innovazione del cappuccio con un foro.
La decisione della BIC di utilizzare il cappuccio con un foro ogni anno ha salvato la vita di un gran numero di bambini. Più di un centinaio di bambini, per essere precisi così come un numero inferiore di adulti.
I bambini piccoli amano gustare tutti i tipi di oggetti che cadono nelle loro mani, in particolare quelli di piccole dimensioni che possono entrare in bocca. Gli adulti, invece, quando sono intensamente concentrati o quando sono nervosi amano masticare sul cappuccio di una penna. Il cappuccio della penna molto facilmente può finire nella trachea di una persona, causando il soffocamento. In tale situazione, mentre l’ambulanza è in arrivo, quel piccolo foro nel cappuccio della penna aiuta la persona a ottenere abbastanza ossigeno.
La decisione di BIC di adottare la soluzione progettuale è stata sostenuta da tutti gli altri grandi produttori di penne, mentre l’istituzione della British Standards Institution (fondato nel 1901 in Inghilterra come primo ente di formazione al mondo, il Gruppo BSI è cresciuto fino a diventare una delle principali organizzazioni di servizi alle imprese con più di 80.000 clienti. Presente in 120 Paesi, con più di 50 sedi locali e circa 2.400 dipendenti, BSI è oggi uno dei principali organismi di certificazione e formazione a livello mondiale), ha prodotto una modifica nelle sue raccomandazioni esistenti per la produzione e l’uso di questo particolare elemento del foro inserito nel cappuccio delle penne.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento