Perché le donne slovacche odiano la Pasquetta? (video)

Paese che vai, tradizione che trovi. Il modo in cui i cechi e slovacchi celebrano la Pasquetta è molto, diciamo … singolare.
Il lunedì di Pasqua, il mattino presto, gli uomini in gruppo vanno a fare visita alle ragazze e donne del paese. Cantano canzoni popolari tradizionali mentre le sculacciano con la tradizionale pomlázka, una frusta intrecciata fatta di ramoscelli di salice. La sculacciata non dovrebbe essere dolorosa e destinata a causare sofferenza.
La leggenda dice che le donne dovrebbero essere sculacciate con una frusta di ramoscelli di salice per mantenere buona salute e bellezza nell’anno successivo. Il salice è il primo albero che si ‘risveglia’ in primavera, la fertilità e la vitalità dai suoi rami per tradizione sono trasferite alle donne con il gesto simbolico della frustata.
Le ragazze cosa fanno? Reagiscono con la ricompensa, dopo aver versato ai loro ospiti il tradizionale liquore chiamato “Slivovice”, come segno di trofeo decora le loro“pomlázka” con i nastri, poi donano uova colorate, cibo e spesso i soldi.

Frustare o ricevere frustate è divertente?
La realtà è questa, un uomo, un fratello, un amico esce da casa il mattino presto, beve il 50% di liquore durante la visita alle donne, poi dopo poche ore torna con i suoi amici di frusta a fare altre bevute e mangiate. Cerchiamo di essere onesti, dopo un paio di drink come fa un giovane ragazzo con una frusta di rami intrecciati ad ascoltare quelli che gli dicono di frustare delicatamente? Come vuole la tradizione, una brava ragazza è tenuta a ringraziarli con uova che ha decorato per ore, con il cibo che ha cucinato e poi continuare a scherzare e dire che è tutto favoloso mentre versa altro Slivovice. La maggioranza delle donne trova tutto questo poco divertente.

Bagnare le ragazze è divertente?
L’acqua è il simbolo della vita, il versamento di acqua è un gesto destinato a dare un lungo anno di salute e bellezza, con questa premessa in alcune regioni ceche, ma soprattutto in Slovacchia, le donne in giardino sono bagnate con acqua fredda o gettate in acqua in un vicino torrente; in assenza di giardino o torrenti, le ragazze sono trascinate sotto la loro doccia per essere bagnate con l’acqua fredda (fortunate quando si svolge tutto abbastanza velocemente).

Frustare e bagnare le ragazze: esperienza di Radovana Jagrikova studentessa slovacca
Radovana Jagrikova sul sito TH NK ABOUT IT (ospita una dinamica comunità di blogger, giornalisti e studenti di giornalismo che condividono i loro pensieri sull’Unione europea e le prossime elezioni europee), ha scritto:
«Io un paio di volte sono stata svegliata con una spruzzata di acqua fredda in faccia. Inevitabile quando si vive in una famiglia con due membri maschi. Altre volte mi sono svegliata prima per indossare un impermeabile e tenere un ombrello aperto. La mia idea è stata apprezzata ma non mi ha salvato dalla doccia mattutina. Ora, mio padre e mio fratello sono più benevoli, si limitano a bagnarmi con minuscole pistole ad acqua, a volte è divertente.
Poi, c’è il caso di “visitatori amici”, di solito sono i miei compagni di classe, mi trovano in piedi nel corridoio, mi gettano un po’ d’acqua e profumo, mi frustano con i rami di salice intrecciati mentre recitano una poesia tradizionale. Io ricambio con uova di cioccolato e soldi, a volte la mia mamma porta una torta. Loro ringraziano e vanno via. Fortunatamente, i miei compagni di classe sono sempre troppo pigri o troppo frettolosi per fare più di quanto tradizionalmente obbligati.
I compagni di classe di mio fratello sono più grandi, meno pigri e più creativi. Due volte mi hanno trasportato a mano dentro la nostra vasca da bagno piena di acqua (fortunatamente non troppo fredda). Preventivamente indosso vestiti che non diventano trasparenti dopo un bagno.
L’ultima categoria di visitatori sono quelli sconosciuti, sanno che una volta entrati in casa per tradizione non sono lasciati andar via senza qualche ricompensa. Ho dovuto “premiare” tali ragazzi solo una volta, quando sono entrati perché hanno trovato la porta aperta. Per fortuna, in seguito ho concordato con i miei genitori di non aprire a tutti. Mio fratello e i suoi compagni di classe hanno smesso di andare a “guadagnare denaro”. Ora ciò che rimane sono solo simboliche fruste e spruzzate d’acqua. Io sono contenta di trascorrere pacificamente la Pasquetta a casa o fare passeggiate nei boschi. Sono invidiata dalle mie amiche meno fortunate che ancora devono donare soldi per essere “frustate” e “annaffiate”».

Pistole ad acqua, secchiate d’acqua o vasche da bagno?
«La scelta di pistole ad acqua, secchiate d’acqua e vasche da bagno spettano ai maschi. Ovviamente, alcuni pensano che una ragazza intrisa d’acqua sia più bella, gettarla in acqua è da veri uomini, è divertente vederla in una mattinata cambiare cinque volte i vestiti. La temperatura è un altro fattore da sperimentare, anche se in generale c’è poca sperimentazione: questi maschi credono che “più è freddo, meglio è”, più la ragazza urla, più è divertente”».

Frustare o non frustare
«Da tocchi simbolici di una “frusta” sulle parti meno sensibili del corpo a incessanti entusiastiche frustate in tutto il corpo. Gli uomini come possono prestare attenzione a dove e come duramente colpiscono mentre sono così assorti da tanto divertimento? E diamo loro denaro e cibo per questo. La ragazza deve assicurarsi di avere abbastanza soldi, ma anche uova di cioccolato, o quelle decorate, e altri piccoli regali per tutti i possibili visitatori».

Non solo stupido, ma anche pericoloso
«Contusioni, raffreddori, fratture a causa di scivolamento sul pavimento bagnato o nella vasca da bagno o per fuggire a maschi invasori. Ci sono stati anche rari casi d’infortuni dovuti a ragazze scivolate dalle mani di uomini o gravi ustioni causate da ragazzi che hanno riempito la vasca con acqua troppo calda. E forse altri casi che non so.
La Pasqua piace per le sue decorazioni, la preparazione di cibo delizioso, passare il tempo con la mia famiglia e gli amici, guardare l’arrivo della primavera. E’ appena oltre la mia comprensione, l’idea che molte donne sono “tradizionalmente” trattate contro la loro volontà (oh, lo ammetto, alcune sono lusingate da tanta attenzione, altre anche fortunate a non dover sopportare nulla contro la loro volontà) e che alcuni ragazzi trasformano la tradizione in un facile modo di guadagnare soldi, con altri che vedono una possibilità gratuita per ubriacarsi e mettere le mani sulle ragazze senza essere schiaffeggiati.
Non suggerisco di vietare tutte le tradizioni di questo giorno, meglio mantenerle con amici intimi, partner e familiari in modo lieve, piacevole, indolore e con “meno ricompensa”, permettendo ai due sessi di praticarlo in egual misura: potrebbe essere generalmente accettato che il giorno dopo Pasquetta sia riservato alle donne che desiderano “restituire” ai maschi lo stesso trattamento ricevuto”.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Perché le donne slovacche odiano la Pasquetta? (video)

Lascia un commento