Perché Alessandro Del Piero è andato a giocare nel campionato indiano?

L‘India è il secondo più popoloso paese del mondo, è la decima economia mondiale, ma la sua nazionale di calcio è al 150° posto nella classifica ufficiale FIFA. Così a livello sportivo non sarebbe ingiusto descriverla come una nazione tra le più deboli nello sport più popolare del mondo. La Cina (una potenza economica nel mercato emergente) nel calcio è al 97° posto nella classifica FIFA, ma almeno una volta nel 2002 nell’edizione organizzata da Giappone e Corea si è qualificata per la fase finale dei Campionati del Mondo di calcio. Altre volte ha fallito l’obiettivo in extremis: nel 1985 contro Hong Kong, nel 1989 e 1997 contro l’Iran, nel 1993 contro l’Iraq.
Il calcio in India ha la sua fetta di appassionati, non al livello del cricket, lo sport preferito del paese. Le partite del calcio europeo, specialmente quelle della Premier League inglese, nel paese attirano molto pubblico televisivo, come accaduto recentemente con la Coppa del mondo in Brasile (in India molti simpatizzano per l’Argentina).
L’India ora sta prendendo seriamente il calcio, ha lanciato Indian Super League (ISL), il primo campionato di calcio in India si svolgerà dal 12 ottobre al 20 dicembre 2014, a contendersi il titolo dopo i play off (non è prevista nessuna promozione né retrocessione), saranno otto squadre (Bangalore, Delhi, Goa, Guwahati, Kochi, Kolkata, Mumbai e Pune), ognuna con un massimo di sette giocatori stranieri, con l’obbligo di schierarne almeno cinque locali e la possibilità di ingaggiarne solamente uno con il tetto salariale che superi quello massimo imposto dalla Lega. Le squadre potranno poi essere sponsorizzate da un investitore straniero (hanno già fiutato l’affare l’Atletico Madrid con l’Atletico Kolata – nome e divisa identici agli spagnoli – , il Feyenoord con il Delhi Dynamos di Del Piero e la Fiorentina che ha acquistato il Pune).
Tra i nomi altisonanti nell’Indian Super League (ISL) ci sono quelli di vecchie glorie come Ruud Gullit (51 anni) allenatore del Bombay; Alessandro Del Piero (39 anni), ha appena firmato per la Dinamo di Delhi; Robert Pires (40 anni); Freddie Ljunberg (37 anni) e Luis Garcia della Spagna (36 anni).
La missione di Indian Super League (ISL) è di generare un campionato di calcio divertente e di alta qualità per coinvolgere centinaia di milioni di fan, con l’obiettivo di far diventare l’India, una potenza del calcio mondiale e qualificarsi per la Coppa del Mondo FIFA 2026.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento