Paziente sottoposto a stimolazione nervosa riprende conoscenza dopo 15 anni di vita vegetativa

Angela Sirigu è andata via dall’Ogliastra a 17 anni, appena conseguita la maturità classica. Dopo la laurea in medicina conseguita a Roma e il dottorato a Marsiglia, oggi vive in Francia, dove dirige il gruppo di ricerca sulla neuropsicologia dell’azione presso il Marc Jeannerod Institute of Cognitive Sciences di Lione, sulla sua scoperta ha detto:
«La plasticità cerebrale e la riparazione del cervello sono ancora possibili anche quando la speranza sembra essere scomparsa. La terapia sarà sperimentata su altri pazienti in stato vegetativo o con minima coscienza. L’uomo in coma per 15 anni dopo un grave incidente d’auto ha ritrovato segni di coscienza  con l’impianto di uno stimolatore nervoso nel suo petto».
Lo stato vegetativo per più di 12 mesi è generalmente considerato irreversibile, questo caso, pubblicato su Current Biology, pone delle sfide a questa convinzione: alcuni pazienti si riprendono spontaneamente dagli stati vegetativi, di solito dipende dal grado di danno nel cervello. La possibilità di ripresa spontanea diventa molto bassa dopo più di un anno di condotta non reattiva.
L’attenzione, il movimento e l’attività cerebrale del paziente sono migliorati significativamente dopo l’inserimento dello stimolatore. Ha riacquistato la capacità di seguire un oggetto con gli occhi e voltare la testa quando gli è stato chiesto. La mamma ha segnalato che quando leggeva qualcosa, il figlio rimaneva sveglio. Il paziente anche se non ha riacquistato la piena coscienza, ha ritrovato una minima consapevolezza dell’ambiente circostante.

Stimolazione del nervo vago
I dispositivi per il nervo vago di solito sono utilizzati per trattare l’epilessia e la depressione. La stimolazione del nervo vago tende ad aumentare il metabolismo nel proencefalo, che è cruciale per la coscienza. I ricercatori hanno detto che un mese di stimolazione con il dispositivo è stato sufficiente per aumentare l’attività cerebrale del paziente. I dati dell‘ettroencefalogramma (EEG) ha mostrato il miglioramento di tutte le regioni cerebrali coinvolte nel movimento, sensazione e consapevolezza, così come la connettività cerebrale tra le diverse aree.
I ricercatori hanno scelto di testare il trattamento su un paziente in uno stato vegetativo particolarmente persistente per assicurarsi il più possibile che qualsiasi ritorno alla coscienza non fosse casuale.
Il team prevede di testare l’impianto del nervo vago per verificare se potrebbe aiutare a ripristinare la coscienza in altri pazienti in stato vegetativo. Condurranno uno studio clinico su larga scala con stimolatori del nervo vago su pazienti in stato vegetativo o con minima coscienza.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →