Pagpag carne riciclata venduta ai poveri (Video)

Vi siete mai chiesti cosa succede agli avanzi del ristorante? A Manila, la carne proveniente dalle discariche è lavata, cotta e riciclata. Si chiama “Pagpag” è consumata dai più poveri che non possono permettersi di comprare la carne fresca (Vedi video BBC).

Mikka Wee ha 28 anni è di Manila, attualmente vive a Singapore, sul suo sito Tiny Traveler racconta le sue riflessioni personali: cibo e viaggi sono i suoi argomenti preferiti, così come le piccole cose quotidiane che la rendono felice. Ecco il suo articolo sul Pagpag, l’ha pubblicato su Pepper.

Pagpag: da fast food trash a ricchezza
«E’ facile interpretare erroneamente le cose a causa di ciò che sembrano essere. Prendi questo scenario, ad esempio, le case sono realizzate con materiali di scarto: lamiere di ferro zincato, legno, persino i teloni servono allo scopo di proteggere le famiglie dalle piogge. L’aria è sporca, una mistura di urina secca si confonde con l’odore della spazzatura.
I bambini qui vanno in giro con una pantofola mancante, con il piede nudo, ruvido e sporco, questo è l’ultimo dei loro problemi. Sorridono anche con qualche dente mancante mentre si stringono attorno allo schermo televisivo, aspettando il loro spettacolo preferito di mezzogiorno mentre le loro madri si mettono in fila davanti a quello che sembra essere un negozio Sari-sari (negozio di generi alimentari che si trova nelle Filippine), in attesa di acquistare sacchetti di plastica riempiti con una sorta di pollo fritto che si vende in un comune fast food.
Ate Rose nel dialetto locale mi dice:
“Lo chiamiamo Pagpag. Ogni notte, i camion vengono qua per scaricare diversi tipi di rifiuti: carta, bicchieri di plastica, contenitori di polistirolo e anche rifiuti alimentari. In primo luogo, tutti gli elementi non commestibili sono separati da quelli commestibili e messi da parte per il riciclaggio. Ciò che è commestibile è portato qui per essere selezionato dagli anziani e trasformato in Pagpag il giorno successivo”.
Ate Rose ci presenta a Nanay Jean, la conosciamo durante le prime ore del mattino ancora intenta a rovistare tra i rifiuti di cibo, ha già recuperato pezzi di pollo fritto, polpette di hamburger mangiate a metà e alcuni hamburger di carne con spruzzi di ketchup e maionese. Li mette nella sua bacinella verde insieme a precedenti rifiuti di cibo, che pulirà e cucinerà per venderli a pranzo.
Siamo accolti nella casa di Nanay Jean, dove ospita tre dei suoi figli che a loro volta hanno dei figli: sotto lo stesso tetto sono in otto. Nanay Jean, mostrandomi uno dei polli fritti intatti mi dice:
“Questi sono ottimi, quelli che hanno ancora abbastanza carne e impanatura saranno fritti, mentre quelli che sono in parte mangiati saranno cotti con un po’ di salsa di soia e aceto come un adobo. Anche il petrolio che abbiamo qui è preso dalla discarica. Puliamo a fondo il cibo che troviamo perché siamo molto consapevoli che è sporco. Adesso fammi scaldare la padella
La gente pensa che con il PagPag la nostra comunità abbia molti disturbi allo stomaco, la vera causa è l’acqua, soprattutto per i bambini, la bevono senza farla bollire”.
Ate Rose ci dice che Nanay Jean prepara tutti gli oggetti di cui ha bisogno per cucinare. Gli avanzi di cibo sono collocati in due padelle separate, una per la frittura e l’altra per la cottura adobo.
Nanay Jean mi dice:
“Certo, tengo un po’ di Pagpag per la mia famiglia. Vedi quella macchia rossa sul pollo? Non è ketchup, ha il sapore della fragola, penso che sia la marmellata che servono per colazione, è scaricata nello stesso contenitore degli altri alimenti che sono gettati via. Ma va bene, nessuna lamentela. Almeno arriviamo ad assaggiare qualcosa di diverso!” (dice con una cordiale risata).
L’intera casa mentre la carne frigge in padella, profuma come un fast food. L’odore avvincente della carne di pollo carica di glutammato monosodico (msg) un comune esaltatore di sapidità e conservante usato dagli anni ’50 (è stato etichettato come una tossina, rimosso dagli alimenti per l’infanzia), riempie la stanza, e forse anche l’intera strada, mentre le madri iniziano a mettersi in fila per acquistare il Pagpag.
Nanay Jean dice:
“Vendo i sacchetti di Pagpag a 30 centesimi, la gente non è disgustata, li vendo più velocemente dei pasti che riscaldano sul posto”.
Esco dalla casa di Nanay Jean per controllare la folla che fa la fila fuori, sono accolta dai sorrisi più calorosi e da un amichevole “buongiorno”. I bambini posano per la prima volta in modo timido, ma si scaldano facilmente. Le persone qui sono educate, amichevoli e calorose.
Nanay Jean alla fine emerge dalla sua cucina con un po’ di Pagpag. Una raffica di banconote arancioni da venti Peso è sventolata verso il suo viso, desiderosa di essere presa in cambio di un sacchetto di plastica pieno di scarti di cibo riciclati. Uno dei clienti abituali di Nanay Jean mi dice:
“Sono abbastanza buoni, una sola volta nella mia vita ho mangiato un pollo fritto, a volte, devi solo chiudere gli occhi e puoi quasi vederti in un fast food a leccare le ossa pulite“.
Ate Rose ci offre un giro della comunità, mostrandoci gli sforzi fatti per migliorare le condizioni di vita nella zona. Entrando nell’asilo nido che gestisce, mi dice: “Non è molto, ma almeno c’è progresso”.
Nanay Jean mentre trascorrono i nostri ultimi minuti sul posto mi parla della realtà della vita qui e di come il Pagpag è diventato uno dei mezzi di reddito più stabili per lei. Nel salutarmi mi dice:
“Ci sono giorni in cui tutto ciò su cui posso fare affidamento è la mia fede. Una volta qualcuno è entrato in casa e mi ha rubato tutto il petrolio. Giorni in cui non c’è assolutamente nulla da mangiare, ma ci sono anche giorni belli in cui sono grata alla gente che butta il cibo, mi permette di guadagnare soldi. Per loro potrebbe essere insignificante, per me significa tutto.
Vedi, questo è il modo in cui viviamo … il nostro unico modo di vivere. Lo facciamo per sopravvivere“».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento