Occhiali speciali aiutano i daltonici a vedere meglio i colori

I ricercatori dell’UC Davis Eye Center hanno progettato occhiali speciali che migliorano la visione dei colori nelle persone con deficit di colore rosso-verde, uno dei tanti tipi di daltonismo. Ciò che è stato veramente notevole è che la visione dei colori è stata migliorata anche quando i soggetti non indossavano gli occhiali. Ciò suggerisce che il cervello potrebbe adattarsi al nuovo segnale dei colori, offrendo una riabilitazione della visione a lungo termine.

Il mondo appena illuminato è pieno di colori vivaci
La carenza di visione del colore rosso-verde (CVD), nota anche come “tricromazia anomala“, fa sì che le persone confondano facilmente le sfumature di rosso e verde. Inoltre, i colori sono percepiti come più tenui e sbiaditi, piuttosto che vibranti e saturi come li vede la maggior parte delle persone. Il problema è in realtà molto più comune di quanto si pensi, almeno l’8% degli uomini e lo 0,5% delle donne soffrono di una carenza di visione rosso-verde.
La maggior parte delle persone non sono nemmeno consapevoli della loro carenza di colore, soprattutto se è sul lato più lieve dello spettro del colore, in questo caso le persone non hanno idea di avere una carenza di visione del colore rosso-verde (CVD) fino a quando non fanno un test di visione a colori: normalmente dovrebbero intravvedere un numero, ma tutto quello che possono osservare è solo un cerchio colorato (scopri se sei daltonico con il test delle Tavole di Ishihara).
Gli oculisti per tali condizioni, prescriveranno speciali occhiali da vista a colori per correggere alcune delle carenze rosso-verde, che sono dovute alle cellule sensibili alla luce della retina che non rispondono in modo appropriato alle variazioni delle lunghezze d’onda della luce. Gli occhiali per la correzione dei colori recentemente brevettati, progettati dalla UC Davis Eye Center, sono presumibilmente più avanzati, grazie ai filtri dello spettro della luce diffusa da ogni singola tacca, offrono una visione dei colori più accurata.
I ricercatori per il test per la carenza di visione del colore rosso-verde (CVD) riportato nello studio pubblicato nella rivista Current Biology, hanno fatto indossare ai partecipanti daltonici del campus universitario, sia gli occhiali speciali, sia un paio di occhiali placebo. Ogni partecipante nell’arco di due settimane, ha dovuto riportare in un diario la descrizione in dettaglio di come la loro esperienza è cambiata, nel frattempo, i partecipanti senza indossare gli occhiali, sono stati testati nuovamente dopo 2, 4 e 11 giorni.
I miglioramenti sono stati sorprendenti nel gruppo che ha partecipato indossando gli occhiali che correggono i colori con filtro rosso-verde. Alex Zbylut uno dei daltonici che ha partecipato allo studio, ha ottenuto prima gli occhiali placebo e poi ha provato il test con la versione con filtro speciale, ha detto:
«Quando indosso gli occhiali all’esterno, tutti i colori sono estremamente vivaci e saturi, posso guardare gli alberi e dire chiaramente che ogni albero ha una tonalità di verde leggermente diversa rispetto al resto. Non avevo idea di quanto sia colorato il mondo, questi occhiali possono aiutare i daltonici a muoversi meglio tra i colori e apprezzare il mondo».
Gli occhiali non solo hanno favorito la risposta al contrasto cromatico, ma questi miglioramenti sono persistiti anche quando i filtri sono stati rimossi. Ciò suggerisce che indossare occhiali che correggono il colore fornisce una positiva risposta visiva di adattamento.
I ricercatori ipotizzano che le modifiche dei segnali fotorecettoriali attivino un substrato plastico post-recettoriale nel cervello, elemento che necessita di essere formalmente studiato.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →