Obiettivo della Volkswagen, entro il 2018, diventare la più grande casa automobilistica del mondo

Volkswagen è gestito in modo molto differente da ogni altra casa automobilistica. In realtà, la sua struttura societaria è più simile a quella della General Motors nel periodo 1920-1970. In altre parole, VW ha ora l’aspetto della GM quando questa era la società più grande e più redditizia del mondo.
La produzione di Volkswagen Group è realizzata in modo diverso da ogni altra casa automobilistica, impiega l’incredibile cifra di 549.300 persone nel mondo.
Fortune Magazine, nella classifica annuale delle 500 più grandi aziende del mondo elenca VW al dodicesimo posto alle spalle di giganti come Wal-Mart e China Post l’ufficio postale cinese.
VW ha quasi altrettanti lavoratori a tempo pieno (549.300), come General Motors (213.000), Ford (164.000) e Fiat -Chrysler (197 mila) messi insieme. Non solo, mentre questi tre colossi nel loro insieme nel 2011 hanno prodotto 19 milioni di veicoli, VW da sola ha prodotto 8,5 milioni di veicoli.
L’obiettivo dichiarato di VW è di diventare entro il 2018, la più grande casa automobilistica al mondo. Il suo fatturato di 200 miliardi di dollari con il risultato operativo dello scorso anno – 14 miliardi di dollari -, è il tipo di prestazioni che ci si aspetta da grandi compagnie petrolifere, non da quelle automobilistiche.  Come può essere possibile? Ah, questa è la magia della struttura societaria di VW:
– mentre le scuole di business insegnano ai futuri manager che le operazioni centralizzate possono tagliare i costi eliminando sovrapposizioni e duplicazioni di lavoro, VW mantiene operazioni molto decentrate con molta sovrapposizione;
– mentre le scuole di business predicano i benefici dell’outsourcing per tagliare i costi, VW è molto integrata verticalmente.
Ogni volta che una casa automobilistica compra un componente da un fornitore, aumenta un  profitto al fornitore. Se una casa automobilistica può fare i componenti in casa, mantiene per se quel profitto. VW sta costruendo molti componenti in proprio.
Se una casa automobilistica vuole davvero dominare il mercato, deve accettare una certa quantità di sovrapposizioni e doppioni. Per dominare ha bisogno di varie marche, e la VW in questo momento ne ha più di chiunque altro. Tutti i marchi VW (VW, Audi, Seat, Skoda, Bentley, Lamborghini, Ducati, Porsche, Bugatti, MAN, Scania, VW Commercial) sono trattati come società indipendenti. Hanno i propri consigli di amministrazione, i propri profitti e perdite, le dichiarazioni e le loro relazioni annuali. Hanno anche la loro separata progettazione, ingegnerizzazione e produzione con la condivisione di alcune piattaforme e acquisti.
General Motors ai tempi in cui dominava era una holding che deteneva nove case automobilistiche indipendenti (Chevrolet, Pontiac, Buick, Cadillac, Oldsmobile, GMC, Opel, Vauxhall e Holden); nel 1960 aveva oltre 700.000 dipendenti, molto integrata verticalmente è stata la società più redditizia al mondo.
Alfred Sloan, è stato il presidente della GM cui è stato attribuito il merito di aver stabilito dei cambiamenti annuali nello stile, dai quali derivò il concetto di obsolescenza pianificata. Egli inoltre creò una struttura dei prezzi, in cui (dal costo più basso al più alto) Chevrolet, Pontiac, Oldsmobile, Buick e Cadillac, non si facevano concorrenza tra di loro, e i compratori potevano entrare nella “famiglia” GM secondo il loro potere d’acquisto e dei gusti che cambiavano nel tempo. Queste idee spinsero la General Motors a essere leader nell’industria delle vendite dagli inizi del 1930, una posizione che ha conservato per oltre 70 anni. Sotto la direzione di Sloan, la GM divenne la più grande e proficua impresa industriale di successo che il mondo abbia mai conosciuto.
I manager in seguito iniziarono ad attuare la politica dell’efficienza e sinergie, ed è stato l’inizio della discesa. La loro linea di comando e di sistema di controllo di gestione ha semplicemente soffocato la società.
Volkswagen nel frattempo sta operando al di fuori del manuale Sloan. La sua struttura corporativa le dà un enorme vantaggio competivo. Non importa come i suoi concorrenti provano a razionalizzare, ridurre il costo, delocalizzare, o collaborare tra loro, non potranno recuperare il suo acquisito vantaggio.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento