Nuovo materiale ricavato da gusci di granchio e cellulosa d’albero potrebbe sostituire la pellicola per il confezionamento di cibo

L’imballaggio alimentare monouso ha creato un problema di smaltimento dei rifiuti ora inquina ogni angolo del mondo. I ricercatori della Georgia Institute of Technology per affrontare questo tipo d’inquinamento hanno sviluppato un’alternativa ecocompatibile, potrebbe sostituire la pellicola trasparente in plastica per gli imballaggi.
Il nuovo materiale rinnovabile e biodegradabile è una sottile pellicola composta di più strati di chitina provenienti dai granchi e cellulosa proveniente dagli alberi. La chitina e la cellulosa, la cui struttura chimica è incredibilmente simile, sono i biopolimeri naturali più abbondanti del pianeta. I ricercatori hanno unito i due elementi sospesi in acqua, poi hanno spruzzato la soluzione su una superficie a strati alterni. Il materiale una volta essiccato è risultato resistente, flessibile, trasparente e compostabile.
Gli imballaggi di plastica spesso sono disprezzati, ma hanno i loro vantaggi. Grazie ad alcuni tipi d’imballaggi di plastica, ad esempio, si riducono i rifiuti alimentari, limitando così la deforestazione, l’uso di fertilizzanti o le emissioni dei veicoli. Tuttavia, questo non compensa gli inevitabili problemi di spazzatura associati all’imballaggio di plastica, per questo è bene avere un materiale che possa conservare gli alimenti in modo sicuro senza mettere l’ambiente a dura prova.
J. Carson Meredith professore della Georgia Tech’s School of Chemical and Biomolecular Engineering, coautore dello studio pubblicato nella rivista ACS Sustainable Chemistry and Engineering, ha detto:
«La maggior parte degli imballaggi di plastica trasparente in tutto il mondo è realizzata in PET o polietilene tereftalato. La nuova pellicola trasparente in chitina cellulosa ha “fino al 67% di riduzione della permeabilità all’ossigeno rispetto ad alcune tipologie di PET, in teoria significa che potrebbe mantenere gli alimenti più freschi per più tempo».
L’efficacia del nuovo materiale nel mantenere freschi gli alimenti è dovuta alla sua struttura cristallina, impedisce alle molecole di gas come l’ossigeno di penetrare nel materiale. Il PET, d’altro canto, ha un significativo contenuto amorfo o non cristallino, consente ai gas di raggiungere gli alimenti che l’imballaggio dovrebbe proteggere dal deterioramento.
J. Carson Meredith ha aggiunto:
«Avevamo esaminato i nanocristalli di cellulosa per diversi anni ed esplorato il modo di migliorarne l’utilizzo nei compositi leggeri e negli imballaggi per alimenti, in considerazione della grande opportunità di mercato per gli imballaggi rinnovabili e compostabili e dell’importanza che gli imballaggi per alimenti avranno in generale per la popolazione in continua crescita».
La chitina e la cellulosa sono materiali molto economici e naturalmente disponibili. L’unica condizione che impedisce al nuovo materiale di diventare disponibile in grande quantità commerciale è trovare un processo di produzione economico, anche la produzione di chitina può essere problematica.
I ricercatori hanno in programma di migliorare la capacità del materiale per bloccare il vapore acqueo.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →