Nuovo materiale a base di carbonio filtra e distrugge efficacemente il coronavirus

Il nuovo materiale a base di carbonio che cattura e distrugge un coronavirus animale, un parente stretto del ceppo virale Sars-CoV-2 che causa il coronavirus Covid-19, è stato creato da scienziati e ingegneri di Cambridge nel Regno Unito e Ma’alot-Tarshiha in Israele.
Il “filtro antivirus attivo” sotto forma di un sottile tappetino di nanotubi di carbonio (TorStranTM) ha le proprietà di filtrazione e permeabilità all’aria che gli consentono di catturare molecole di virus libere e quelle contenute in goccioline aerosolizzate nell’aria: sia la filtrazione sia l’interruzione del virus avvengono contemporaneamente, consentendo al filtro di ridurre il rischio di infezione rimuovendo la contaminazione dall’aria. Il team prevede che sia particolarmente utile in situazioni confinate come veicoli di emergenza, ospedali, trasporti, aree di attesa e reparti.
Il team del progetto del filtro nel Regno Unito è guidato da Q-Flo, produce e sviluppa materiali a base di carbonio avanzati. Martin Pick, direttore operativo di Q-Flo, ha dichiarato: «La sfida ora è trasformare la nostra membrana TorStranTM in un efficace modulo di filtro antivirus attivo».
Lo sviluppo e la produzione in Israele, sono guidati da Meir Hefetz, CTO della start-up israeliana Tortech, ha detto:
«Stiamo investendo tutte le nostre risorse dietro il progetto. “Stiamo affrontando le sfide iniziali del raggiungimento delle proprietà corrette al fine di passare a problemi pratici di ampliamento».
James Elliott, professore presso il Dipartimento di Scienza dei Materiali di Cambridge, ha aggiunto:
«Sono molto entusiasta del fatto che questa nuova applicazione di materiali filtranti a base di carbonio, sviluppata inizialmente nel nostro laboratorio, possa essere rapidamente prototipata e testata per aiutare a ridurre la carenza di dispositivi di protezione DPI a causa della pandemia di coronavirus Covid-19».
Il professor Alan Windle, uno degli inventori del processo per produrre il materiale nanotubo presso l’Università di Cambridge, ha affermato:
«L’obiettivo originale del processo era quello di realizzare fibre conduttive ultra resistenti per un’ampia gamma di applicazioni. Il fatto che i nanotubi compressi in un tappetino costituisce un filtro eccellente per le particelle di umidità sospese nell’aria è molto importante nel momento in cui il mondo è impegnato a fronteggiare l’attuale crisi per il coronavirus Covid-19».
Adam Boies, responsabile per i nanomateriali e l’ingegneria degli aerosol nel dipartimento di ingegneria, ha dichiarato:
«La capacità unica del filtro antivirus attivo di filtrare e distruggere efficacemente il coronavirus apre nuove possibilità per ridurre il carico virale nell’aria. In definitiva, permetterà anche di prolungare la durata dei filtri o di riutilizzare i mezzi di filtrazione che non si degradano con la successiva pulizia».
Ian Goodfellow, professore di Virologia nel Dipartimento di Patologia, ha detto:
«L’applicazione di una bassa potenza al filtro antivirus attivo è stata in grado di disattivare completamente i coronavirus animali intrappolati. La capacità di incorporare questo tipo di tecnologia nei DPI e nei sistemi di trattamento dell’aria è un’opportunità eccellente per fornire un ulteriore strumento per proteggere le persone dal coronavirus Covid-19».
Shuki Yeshurun, fondatore di Tortech Nano Fibres e amministratore congiunto di Q-Flo riassume i progressi compiuti e indica la strada per il futuro impiego di questo prodotto potenzialmente salvavita, ha detto:
«I nostri team in Israele e nel Regno Unito, inclusi i colleghi dell’Università di Cambridge, hanno lavorato a fondo nelle ultime settimane per dimostrare l’efficacia del TorStran Active Virus Filter nel catturare e uccidere il coronavirus Covid-19. Siamo alla ricerca di partner che possano lavorare con noi e muoversi rapidamente per mettere in servizio le unità Active Virus Filter».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →