Nuova sfida di Google, scansionare milioni di pagine di vecchi giornali, per portare la storia online

Gli argomenti d’importanza locale e nazionale per più di 200 anni sono stati trascritti sulla carta dei giornali. In tutto il mondo, si stimano miliardi di pagine di notizie contenenti storie mai lette.
“Il nostro obiettivo” – dice Google – “è di aiutare i lettori a trovare tutte le notizie pubblicate dai giornali, dalle più piccole riportate sui settimanali locali, fino alle più grandi pubblicate sui quotidiani nazionali.
Il problema  è che la maggior parte di questi giornali non è disponibile on-line. Vogliamo cambiare la situazione.
La nostra iniziativa, con la ricerca online, è  di rendere più accessibile la lettura di vecchi giornali, grazie alla partnership con editori, disponibili a far digitalizzare milioni di vecchie pagine di notizie conservate nei loro archivi.
Gli utenti dovranno essere in grado di fare ricerche sui vecchi giornali e navigare nelle pagine, esattamente come sono state stampate, con fotografie, articoli, pubblicità, ecc. (vedi esempio).
Nel 2006 – conclude Google -, abbiamo iniziato a lavorare con pubblicazioni come il New York Times e il Washington Post, questo sforzo è solo l’inizio.
In collaborazione con un numero sempre maggiore d’editori, contiamo di avvicinarci al nostro obiettivo, quello di rendere accessibile online, miliardi di pagine di carta dei giornali di tutto il mondo”.
Fonte:Labnol

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “Nuova sfida di Google, scansionare milioni di pagine di vecchi giornali, per portare la storia online

  1. Un’ottima iniziativa per far sì che la storia ormai “INGIALLITA” ritrovi nuova vita!!!!!!!!!!!

    Un caro saluto!!!!!!!!!!!!

  2. Capuncione Bella iniziativa di Google, per non disperdere il nostro passato, ciao*
    Saccheggiatore Un lavoro mostruoso, per non cancellare il nostro passato, ciao*

Lascia un commento