Nuova scoperta sulla causa dell’emicrania

Ricercatori danesi hanno fatto un passo decisivo verso una nuova spiegazione sul perché fa male quando abbiamo un’emicrania. Il dolore lancinante alla testa per secoli ha sconcertato gli scienziati, di solito è accompagnato da altri sintomi come nausea, sensibilità alla luce e suoni.
La nuova scoperta rappresenta una rottura con la teoria prevalente negli ultimi decenni. Il professor Jes Olesen del The Danish Headache Center (DHC), Glostrup Hospital, in Danimarca, co-autore del nuovo studio, pubblicato su The Lancet Neurology, ha detto:
«Per molti anni si è pensato che il dolore è stato causato da vasi sanguigni espansi al di fuori del cranio, ma quando abbiamo visto che le scansioni mostrano che i vasi sanguigni non si espandono, ci siamo orientati alla ricerca di un altro motivo che causa il mal di testa».

Espansione arteriosa meno del previsto
L’articolo si basa su esperimenti progettati per identificare quali arterie si ampliano nel corso di un attacco di emicrania. Sono stati condotti dal medico Faisal Mohammad Amin, insieme a uno studente universitario presso il DHC.
Amin durante gli attacchi di emicrania, utilizzando la più recente tecnologia di risonanza magnetica, ha esaminato le piccole arterie all’interno e l’esterno del cervello. In breve:
– ha preso parte all’esperimento un totale di diciannove donne sane con emicrania;
– i loro cervelli sono stati scannerizzati mentre hanno sofferto di un forte mal di testa causato da emicrania senza aura, mal di testa limitato a un lato della testa;
– le scansioni hanno permesso ai ricercatori di confrontare le dilatazioni dei vasi sanguigni nella parte in cui il dolore è stato sentito con il lato dove il dolore non è stato percepito.
Faisal Mohammad Amin, ha detto:
«Contrariamente a ciò che è stato in precedenza creduto, abbiamo scoperto che le arterie al di fuori del cranio non si espandono durante gli attacchi di emicrania. Le arterie all’interno del cranio erano solo leggermente ampliate sul lato in cui il mal di testa è stato percepito, rispetto all’altro lato dove nessun dolore era presente».

I farmaci per l’emicrania non funzionano come pensavamo
Le donne doloranti per il mal di testa, in seguito hanno ricevuto un popolare farmaco per l’emicrania per determinare come agiva sulle arterie. Amin ha detto:
«Abbiamo trattato gli attacchi con sumatriptan, il farmaco più popolare sul mercato per l’emicrania. Successivamente abbiamo fatto un’altra risonanza magnetica del cervello. In questo caso abbiamo osservato che le arterie all’interno del cervello sono rimaste ampliate anche dopo che il mal di testa era passato.
Ciò suggerisce che non è esatta la vecchia teoria che dice che i farmaci come il sumatriptan determinano il restringimento delle arterie. Le nuove scoperte preparano il terreno per gli studi sul perché il sumatriptan funziona ancora, anche se l’effetto benefico non sembra essere legato al restringimento delle arterie».

Nuova teoria: il dolore causato da fibre nervose più sensibili
La nuova scoperta ha aperto la strada per una nuova teoria: il dolore da emicrania avviene perché le fibre nervose intorno ai vasi sanguigni diventano più sensibili, ciò significa che la normale pulsazione del sangue in un’arteria si sente più intensa, con un dolore lancinante. Il medico Faisal Mohammad Amin ha detto:
«I nostri risultati sono di grande importanza per la comprensione e il futuro delle ricerche sull’emicrania. I risultati, allo stesso modo, possono essere utilizzati anche per rassicurare chi soffre di emicrania, durante un attacco non devono preoccuparsi, le loro arterie non sono in procinto di esplodere“.

Elogi dai colleghi
Helge Kasch, ricercatore cefalea dell’Università di Medicina Clinica  Aarhus – Dipartimento di Neurologia, vede un grande potenziale nel nuovo studio:
«I risultati indicano che a livello locale nel cervello si verifica un cambiamento nel controllo nervoso dei vasi sanguigni, al tempo stesso vi è un cambiamento nella regolazione del dolore.
Il futuro trattamento medico dovrà anche cercare di assicurare che il farmaco funziona all’interno del sistema nervoso centrale del cervello e deve essere in grado di superare la barriera emato-encefalica».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento