Mostri amichevoli: le pitture murali di Gio Pistone (foto)

Gio Pistone artista romana è nota per i suoi accattivanti murales caratterizzati da forti colori, ricca fantasia e motivi geometrici. Nata nel 1974, ama il ciclismo, il disegno e la visione di film horror, lavora nella Capitale nel quartiere Portonaccio in un grande studio chiamato Muta, è uno spazio condiviso al centro di un cortile di capannoni industriali, ex officine, stalle e hangar che da vent’anni si sono progressivamente trasformati in studi d’artista. Gli studi ospitano attualmente 14 artisti, diversi per età, formazione e linguaggi.
Muta
nasce dall’iniziativa di alcuni di loro ed è una project room, una palestra di sperimentazione aperta a collaborazioni, interazioni e ibridazioni.
Gio Pistone è stata intervistata da Andy Devane di Wanted in Rome.

Come, quando e dove hai iniziato a dipingere sui muri, e qual è il tuo background artistico?
Ho iniziato l’arte di strada a 18 anni, semplicemente attaccando i miei disegni intorno a Roma nel 1993-1994, in un momento in cui nulla di questo era stato fatto. Le prime squadre di graffiti erano sulla scena, c’erano molti artisti e quasi nient’altro.
Ho iniziato a dipingere in fabbriche abbandonate, senza portare i colori con me, ma solo con materiali che trovavo sul posto. E’ stato un rudimentale muralismo preistorico. La mia formazione artistica è iniziata quando ero molto giovane a casa mia, era frequentata da musicisti e artisti perché mio padre e mia madre si muovevano in quei circoli. Così si potrebbe dire che sono nata proprio nel bel mezzo di un mondo artistico.

Quali sono le tue influenze – visive o letterarie – e come s’ispirano con il tuo lavoro?
La mia curiosità si estende un po’ ovunque. Arte, musica, scienza, natura, poesia, cinema, scenografia, astronomia, raramente mi annoio. Le figure che hanno aperto il mio cuore includono Cortázar, Bas Jan Ader, Montale, Barthes, Rodari, Munari, Miró, Jean Arp, David Lynch, Fellini, Monty Python, Shakespeare. Oh sono incantata dagli uccelli del paradiso!

Vuoi dire che le creature fantastiche dei tuoi quadri hanno origine dal mondo dei sogni o degli incubi? (clicca l’immagine per vedere altre foto)

Quello che disegno arriva dai mostri che sognavo da bambina. Mi svegliavo spaventata e in lacrime, mia madre giovane studente di psicologia, m’incoraggiava a disegnare, a dare un volto ai mostri. Questo gioco terapeutico non è stato solo miracoloso, perché ho smesso di avere paura, ma è stato anche incredibile da un punto di vista creativo, ha aperto le porte di questo mondo. All’età di cinque anni dalla mia immaginazione ho cominciato a disegnare mostri, è incredibile che ancora faccio questo dopo tutti questi anni.

Puoi raccontare il viaggio verso il tuo stile artistico e come si è sviluppato nel corso degli anni?
Il mio stile è istintivo, deliberatamente faccio segni rozzi e storti che non ho mai voluto correggere con le scuole o studi. Ho iniziato a disegnare all’età di un anno e non ho mai smesso, l’unico cambiamento che vedo nel tempo è la semplificazione delle linee, in altre parole, io sono sempre più in movimento verso l’astratto.

Quali progetti hai in programma nel prossimo futuro, e dove le persone possono vedere i tuoi dipinti murali a Roma?
Il prossimo futuro sarà molto frenetico, andrò in Sardegna e Abruzzo, farò una grande scultura, una nuova esperienza per me. Parteciperò a “Nottenera” un festival di pittura murale a Serra de’ Conti, città medievale nelle Marche. Dipingerò per tutta la notte, basandomi sulla luce delle candele, dell’alba e del sole. Magnifico! Tornerò a Roma nel mese di settembre, sono quasi sempre in movimento, non vedo l’ora!