E’ il momento del Bob Marley dell’Eritrea?

Un musicista eritreo ha suscitato grande scalpore su YouTube, con una canzone di protesta che sembra criticare il governo del presidente Isaias Afewerki.
L‘Eritrea è un luogo in cui le canzoni di protesta non vanno virale ogni giorno. Si tratta di uno degli Stati più piccoli e più strettamente controllati dell’Africa. La canzone di protesta si chiama Hadnetna (“La nostra unità”). L’artista dietro il brano è Yohannes “Wedi” Tikabo, mentre la sua canzone suona dolce e cadenzata, le sue parole sono dure, canta: «Non è un segreto che due generazioni di giovani sono morte».
La canzone è anche un richiamo alla memoria della lotta per l’indipendenza nota come “Ghedli” (la rivoluzione). Il brano è stato ampiamente interpretato come una critica al presidente Isaias e il suo governo al potere da venti anni, valutato a livello internazionale tra gli ultimi posti per il rispetto dei diritti umani.
Tra i commenti su YouTube qualcuno indica Yohannes “Wedi” Tikabo come il Bob Marley dell’Eritrea e “la voce del popolo”. Un altro scrive: “Se questo non sveglia il nostro popolo, io davvero non so cosa pensare”.
Il cantante Yohannes è ben noto in Eritrea, ma ciò che rende questo video ancora più sorprendente è che una volta era più famoso come un nazionalista. Le sue canzoni sono state ampiamente utilizzate come fonte d’ispirazione per le truppe eritree durante la guerra di confine di due anni con l’Etiopia, recentemente sono state associate alle migliaia di eritrei che ogni anno abbandonano il paese.
Gli attivisti dell’opposizione sono felici, Fennai F di EYSC Eritrean Youth Solidarity for Change (una rete mondiale dei giovani contro la dittatura in Eritrea), ha detto: «In Eritrea prima e dopo l’indipendenza, la musica ha sempre animato le masse».
L’uso d’internet in Eritrea è molto basso, secondo le stime è intorno al 6%, non solo, dove è presente, tende a essere lento e inaffidabile, il che significa che la stragrande maggioranza di chi interagisce sono probabilmente gli eritrei che vivono al di fuori del paese, secondo gli attivisti hanno trovato modo di ascoltare voci e musiche eritree attraverso la Radio Erena con sede a Parigi.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento