Modello matematico: affinché la quarantena funzioni, deve farla l’80% della popolazione

Il nuovo studio è basato su un modello calibrato per riprodurre diverse caratteristiche della trasmissione del coronavirus Covid-19, tenendo conto del suo numero riproduttivo, della durata dei periodi di incubazione e generazione, dei tassi di attacco dipendenti dall’età e del tasso di crescita dell’incidenza cumulativa durante una trasmissione locale prolungata e non mitigata.
Lo studio afferma che forti misure di distanziamento sociale possono contenere la pandemia in circa 13 settimane, ma deve essere adottato da almeno l’80% della popolazione. La pandemia potrebbe non essere frenata se la percentuale scende al 70% o meno.
Lo studio disponibile nell’archivio degli Articoli accademici di arXiv, è stato condotto da ricercatori dell’Università di Sydney della Facoltà di Ingegneria guidati da Mikhail Prokopenko dell’Università di Sydney, esperto di modellistica accademica e pandemica di Complex Systems. Il team ha analizzato l’efficacia di diversi livelli di distanziamento sociale nel limitare la diffusione di coronavirus Covid-19 in Australia ma i risultati generali sono validi per la maggior parte, se non tutti i paesi del pianeta.
L’intervento tempestivo, secondo i risultati, è fondamentale: prima si impone una quarantena, più si ritarda il picco della malattia, più vite possono essere salvate dagli operatori sanitari.
Mikhail Prokopenko ha detto:
«Ci sono buone ragioni per imporre misure severe sin dall’inizio. Più ritardiamo il picco, più il sistema sanitario deve essere impegnato per essere pronto ad affrontarlo accedendo a maggiori risorse come letti per terapia intensiva, ventilatori, antivirali e personale sanitario addestrato».

Il rovescio della medaglia
Tale modo di procedere è fondamentalmente un compromesso. Salviamo più vite umane, ma questo significa imporre la quarantena più a lungo, essenzialmente, in cambio offriamo temporaneamente alcune delle nostre libertà civili. Tuttavia c’è il rovescio della medaglia, quando si tratta di questo tipo di quarantena, fondamentalmente è tutto o niente: o lo fa un numero sufficiente di persone, nel qual caso possiamo frenare la malattia e andare avanti da lì, o se non c’è abbastanza gente che si adegua, i nostri sforzi di contenimento non saranno molto efficaci. Realmente in cifre, per avere una certa efficacia, più di 3 persone su 4 devono conformarsi. Più persone lo fanno, più velocemente l’emergenza pandemica può finire.
Mikhail Prokopenko ha aggiunto:
«Se vogliamo controllare la diffusione del coronavirus Covid-19, piuttosto che lasciare che la malattia ci controlli, almeno l’80% della popolazione australiana deve rispettare rigorose misure di distanziamento sociale per almeno quattro mesi; al contrario, se meno del 70% della popolazione adotta misure di distanziamento sociale, non possiamo reprimere la diffusione della pandemia e qualsiasi distanziamento sociale potrebbe essere uno sforzo inutile».

Osservanza del distanziamento sociale
L’osservanza del distanziamento sociale è un altro aspetto da considerare, non c’è modo di aggirarlo, ma mantenere una quarantena per settimane o mesi sarà sempre più difficile, con il passare del tempo, alcuni paesi hanno cercato di optare per un compromesso: applicare una quarantena più permissiva e più facile da rispettare. È emerso dallo studio che questo metodo non funziona. Mikhail Prokopenko ha detto:
«C’è un chiaro compromesso, misure più severe imposte in precedenza ridurrebbero la durata dell’impatto di questa malattia sulle nostre vite; al contrario, protocolli più permissivi potrebbero significare una lotta più lunga, più estenuante e inefficace contro il coronavirus Covid-19».
Tuttavia, il modello dimostra anche che alcune misure non sono efficaci come altre, ad esempio, la chiusura della scuola porta beneficio decisivo solo se accompagnata da un alto livello di osservanza del distanziamento sociale, in altre parole, se non è osservato, la chiusura delle scuole non fa molto. I ricercatori hanno anche scoperto che, mentre la chiusura delle scuole ha il potenziale di compensare circa il 10% della mancata osservanza delle norme sul distanziamento sociale, ha solo ritardato il picco della pandemia di due settimane.
È importante notare che il modello di studio ha utilizzato input demografici provenienti dall’Australia, ma anche se i tassi di contatto all’interno di diversi paesi con economie (e culture) diverse saranno differenti, la tendenza è quasi certamente la stessa, potrebbe non essere del 70% o dell’80%, ma c’è un importante punto di svolta nel rispetto del distanziamento sociale: potrebbe essere maggiore o minore a seconda della base demografica delle diverse aree, ma se non lo fa un numero sufficiente di persone, non è efficace.
I responsabili politici cercheranno di soppesare l’impatto dell’epidemia sulla salute con le ramificazioni sociali ed economiche, comprensibilmente potrebbero essere riluttanti a imporre misure severe. È importante capire dove si trova il punto di svolta nella diffusione per ogni paese o area è vitale per stabilire le specifiche della quarantena e per l’ulteriore elaborazione di piani a lungo termine per affrontare la malattia.
La priorità assoluta in questo momento è quella di arginare la pandemia, ma è ben lungi dall’essere la nostra unica lotta, è solo l’inizio, una volta contenuto il numero di casi, dovremo trovare un modo per ridurre il distanziamento sociale senza rischiare una seconda ondata di infezioni, addirittura peggiore.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →