Mistero risolto dopo 44 anni di studio, ecco come la pulce spicca il salto (video)

Le pulci sono parassiti esterni ematofagi: si nutrono del sangue di mammiferi e uccelli

Fra le specie di pulci più comuni si possono citare la Ctenocephalides felis (parassita del gatto), Ctenocephalides canis (parassita del cane), Pulex irritans (parassita dell'uomo), Nosopsyllus fasciatus e Xenopsylla cheopis (parassiti del ratto).
Le pulci sono animali di piccole dimensioni, totalmente atteri (cioè privi di ali). L'esoscheletro è in genere compatto e robusto; Il capo è compresso contro il torace, poco mobile, con antenne tri-articolate molto brevi e apparato boccale pungente-succhiatore; le zampe sono altrettanto robuste, e la coppia posteriore è particolarmente sviluppata e consente alla pulce salti di notevole altezza. Tale azione è data da particolari muscoli che prima flettono le zampe, poi un meccanismo di presa le mantiene flesse finché altri muscoli rilasciano la presa permettendo all'energia accumulata di estendere rapidamente le zampe consentendo il salto.



Quarantaquattro anni dopo l'inizio del dibattito sulla dinamica utilizzata dalle pulci per saltare, i ricercatori, grazie a riprese video ad alta velocità, hanno annunciato di aver risolto il mistero.
La pulce (insetto senza ali), per spiccare il salto, carica la spinta sulle dita delle zampe, piuttosto che sulle ginocchia. 

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Mistero risolto dopo 44 anni di studio, ecco come la pulce spicca il salto (video)

Lascia un commento