Miley Cyrus debutta completamente nuda nel video ‘Wrecking Ball’ (video)

Wrecking Ball” il video musicale di Miley Cyrus è arrivato, il secondo singolo estratto dal suo prossimo album “Bangerz” è senza dubbio un video più provocatorio rispetto al suo predecessore “We Can’t Stop”.
Oh, ci saranno chiacchiere online su Cyrus per il suo approccio con la mazza (è un martello pesante con il manico piuttosto lungo, circa 80 centimetri), ancor di più quando completamente nuda è in sella a una palla da demolizione (vedi video).

Diretto da Terry Richardson, il video “Wrecking Ball”, presentato lunedì nove settembre, inizia con Cyrus in primissimo piano, piange mentre canta (ricorda Sinead O’Connor nel video “Nothing Compares 2 U”).
Miley Cyrus indossa un top bianco, con la mazza in mano cammina lentamente verso la telecamera. Naturalmente, il momento più scioccante del video arriva quando Cyrus completamente nuda è a cavallo di una palla da demolizione che oscilla. La ventenne spacca le pareti e lecca la mazza prima di crollare in mezzo alle macerie.
Lunedì quando Cyrus ha postato un link al video “Wrecking Ball” ha incluso l’hashtag # WreckTheRecord, un riferimento al suo obiettivo di dare maggior visibilità al video per battere il record di visualizzazioni in ventiquattro ore. Il video precedente “We Can’t Stop”, a giugno aveva polverizzato il record in un giorno con 10,7 milioni di visualizzazioni. E’ stato superato da One Direction la boy band pop inglese-irlandese  con la canzone “Best Song Ever” che ha avuto 10,9 milioni di visualizzazione quando ha debuttato nel mese di luglio.
Miley Cyrus ha confermato che il cinque ottobre 2013 sarà ospite di “Saturday Night Live”, tre giorni prima dell’uscita del suo album “Bangerz”. Cyrus ha promesso di rilasciare la lista ufficiale delle tracce del suo quarto album ‘Bangerz’, se il video “Wrecking Ball batterà il record di visualizzazioni su VEVO.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →