Microsoft, ritardo per Vista? Divora memoria, è instabile

C’è un momento in cui il ronzio delle voci si materializza in un tuono. In una affermazione che non ammette smentite: è ciò che è successo nelle ultime ore con un primo post (inglese, molto tecnico) del tecnologo Robert McLaws, poi confermato dall’autorevole Scobleizer (inglese, più facile per i non addetti).
La notizia semplice semplice è: l’annunciatissimo sistema operativo Microsoft Vista, cui si legano le sorti del Media Center –  il superdecoder di Microsoft che dovrebbe lanciare l’offerta di IPTV (fra le altre funzionalità) –  non uscirà nei tempi previsti. Instabile, divoratore di memoria, indietro nella sua sistemazione definitiva per il mercato. L’ipotesi è che possa ritardare anche di sei mesi.
Scobleizer, in realtà Robert Scoble (Scobleizer è il nome del blog), che come Mclaws, è un tester ufficiale della casa di Redmond, parla per esperienza diretta: la velocità è un problema (cioè il sistema è lento), divora risorse di calcolo, ci vorrebbe un supercomputer. Non è affidabile nel lavoro delle applicazioni e rende instabile la gestione dei driver.
Non c’è da stare allegri. Per il lancio di Vista si era parlato di ottobre 2006, ma anche di gennaio 2007. Scobleizer fa notare un fatto di buon senso: "Se questa uscita slitta di qualche mese, nessuno se ne ricorderà, come avvenne per Windows 2000 che slittò per anni. Se esce ed è un fiasco, resterà nella memoria di tutti per sempre".
Fonte: Scene digitali

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento