Il metabolismo del colibrì aiuterà a far luce sull’obesità umana

Il colibrì è un uccello affascinante, batte le sue ali 80 volte il secondo, ha il cuore più grande rispetto alle sue dimensioni e il metabolismo più veloce di tutti gli animali, in un minuto il suo cuore può battere fino a 1.200 volte accompagnato da 500 respiri.
Il colibrì per vivere ha bisogno di mangiare in un giorno, almeno un importo di nettare (che dà energia) e d’insetti (proteine) equivalente al suo peso corporeo, ciò significa che in media dovrebbe interagire con 1.500 fiori.
Gli scienziati del centro di ricerca basca CIC bioGUNE, ha ricevuto 1.055.000 euro di finanziamento dall’Human Frontier Science Organization per il programma internazionale denominato “Optimization of metabolic flux in the hummingbird: from enzymes to ecology“. La ricerca si basa sul metabolismo del colibrì molto veloce a immagazzinare e bruciare una grande quantità di grassi. Gli enzimi da analizzare nel progetto sono al centro del metabolismo e sono coinvolti nella regolazione dell’energia. Le funzioni sono legate alla produzione e combustione dei grassi e zuccheri, i ricercatori sperano di far luce su alcuni enzimi metabolici legati alle malattie umane, come l’obesità, il diabete e il cancro. Mikel Valle, ricercatore specialista in Biologia Molecolare, responsabile del progetto CIC bioGUNE, ha definito il colibrì, un “atleta metabolico“.

Confrontare gli enzimi del colibrì e altri mammiferi
Il centro basco si concentrerà sullo studio della struttura degli enzimi mediante microscopia crioelettronica. Il lavoro essenzialmente consiste nel congelare i campioni a temperature molto basse, osservarli al microscopio e con tecniche informatiche ottenere la loro struttura 3D.
Confrontando gli enzimi del colibrì con altri enzimi fornirà una migliore comprensione delle caratteristiche molto particolari del metabolismo di quest’uccello, in grado di eseguire migrazioni a lunga distanza, nonostante le sue piccole dimensioni.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento