Megan Cox: uniti contro la depressione

Megan Cox, ventidue anni di Somerset, Regno Unito ha reso pubblico il trattamento che ha subito da parte della compagnia aerea Emirates Airlines: dopo essere stata assunta, è stata licenziata a causa di una precedente storia di depressione.
La giovane inglese lo scorso mese aveva coronato il suo sogno, era stata assunta come assistente di volo, offerta di lavoro in seguito annullata in conformità a risultati della sua storia medica.
Emirates Airlines ha deciso di licenziare la nuova assunta per un problema di depressione avuto nel 2012. Megan Cox ha detto:
«Circostanze orribili nel 2012 mi hanno mandato in depressione per due mesi. Indignata per il trattamento ricevuto da Emirates Airlines, determinata a mettere in luce questa ingiustizia, ho aperto una pagina Facebook chiamata “Emirati contro la depressione”. Ho postato:
“E’ straziante perdere il lavoro da sogno per essere un soggetto umano. Buon viaggio Emirates. Sono un essere umano che in alcune circostanze della mia vita, sono passata attraverso l’inferno e ritorno …
La depressione mi ha fatto diventare una ragazza forte e sana, mi ha aperto gli occhi al mondo. Mi ha dato esperienza di vita che non potevo comprendere. Sono in grado di affrontare qualsiasi tipo di persona per la tipologia di vita che ha condotto. Sono in grado di capire, sostenere e apprezzare ogni singola persona che incrocia la mia strada. Sarei stata l’hostess perfetta».

Megan Cox
La storia di  Megan Cox  è stata ripresa dai media di tutto il mondo. Megan ha detto di aver apprezzato una “reazione schiacciante” da parte del pubblico.
Il portavoce della compagnia aerea ha detto:
«Emirates Airlines ha un processo di reclutamento trasparente ed equo, ed è un datore di lavoro sensibile alle pari opportunità. Il lavoro del personale dell’equipaggio di cabina, fisicamente e mentalmente è molto impegnativo per i frequenti cambiamenti di fuso orario, sonno irregolare che può incidere sulla salute.
I nostri equipaggi sono responsabili per la sicurezza di centinaia di passeggeri, è importante che tutti i candidati soddisfino le condizioni di pre-assunzione. L’anno scorso Emirates Airlines nel solo Regno Unito ha ricevuto oltre 17.000 domande di assunzione per lavorare come equipaggio di cabina. Tutte le domande sono esaminate attentamente dal nostro team di reclutamento, è addestrato per garantire l’idoneità di persone scelte per questo lavoro molto impegnativo. Attualmente abbiamo oltre diciottomila assistenti di volo che lavorano per la compagnia aerea, con estrema serietà poniamo attenzione alla salute e il benessere dei nostri dipendenti.
Emirates Airlines è dispiaciuto per la delusione di Megan Cox per non essere stata assunta. Sarà rimborsata per il periodo di pre-occupazione correlato alle spese mediche sostenute per i test. Auguriamo tutto il meglio per i suoi futuri impegni».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento