Materiale economico a base di buccia d’arancia può aspirare il mercurio dagli oceani

La contaminazione da mercurio un problema per la maggior parte dei corsi d’acqua del mondo, si verifica come conseguenza di una serie di attività industriali, compresi l’estrazione e la combustione di combustibili fossili. I livelli di mercurio nel mare sono triplicati dall’inizio della rivoluzione industriale, il mercurio contamina pesce e frutti di mare, entra nella catena alimentare umana, genera problemi di salute associati anche a minor QI nei bambini. Il mercurio compromette anche la salute riproduttiva di uccelli e pesci.
Il problema di contaminazione nonostante sia in crescita, su larga scala ancora non è stato trovato un modo efficace per intrappolare questo metallo pesante.
I ricercatori australiani con un nuovo polimero conosciuto come zolfo-limonene polisolfuro, insieme a rifiuti industriali e buccia d’arancia hanno prodotto un polimero morbido gelatinoso, noto come polisolfuro zolfo-limonene può aspirare il mercurio dall’acqua. La parte interessante della scoperta è che il nuovo materiale è incredibilmente a buon mercato, si basa solo su prodotti utilizzati tutti i giorni.
Justin Chalker ricercatore della Flinders University in Australia ha detto:
«La contaminazione da mercurio affligge molte aree del mondo, interessa la disponibilità di cibo e acqua, ciò ha determinato un serio bisogno di trovare un metodo efficiente ed economico per intercettare questo metallo. Fino ad ora, non vi è stato tale metodo, ma i nuovi indirizzi su polisolfurici zolfo-limonene sembrano risolvere quest’urgenza».
Il polimero è costituito da zolfo (ogni anno l’industria petrolifera produce 70 milioni di tonnellate), e limonene (si trova principalmente nelle bucce d’arancia, ogni anno si producono più di 70 mila tonnellate), quando il materiale rosso scuro solitamente viene a contatto anche con piccole quantità di mercurio, il materiale appena inizia ad assorbire il metallo diventa immediatamente giallo, il che significa che può anche funzionare come un sensore ambientale (vedi video).

Justin Chalker ha aggiunto:
«Non solo questo nuovo polimero è un bene per risolvere il problema dell’inquinamento da mercurio, durante la conversione ha anche aggiunto il bonus ambientale perché è molto più semplice da immagazzinare.
Lo scopo originale del progetto in realtà non era il mercurio ma creare da rifiuti industriali riciclati un nuovo tipo di plastica. Abbiamo scelto lo zolfo e limonene perché sono materiali a buon mercato e facilmente reperibili, in tutto il mondo ci sono montagne inutilizzate di zolfo.
Il team ha iniziato a sperimentare con la nuova sostanza quando abbiamo osservato che legava con il mercurio, chimicamente in pratica lo succhiava letteralmente fuori da altre sostanze.
Abbiamo anche fatto studi di tossicità per assicurarci che il nuovo polimero in sé non è tossico per l’ambiente, i risultati hanno dimostrato che può essere sicuro per essere commercializzato su larga scala.
Il programma ora è di trovare un modo per utilizzare questa sostanza in tubi di acqua industriali, così come in blocchi che possono agire come una spugna in corsi d’acqua contaminati, o semplicemente nell’oceano. Potrebbe essere utilizzato anche per contribuire a purificare il suolo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento