Maria Marinella Brambilla, 50 anni, storica segretaria di Berlusconi da 30 anni, è incinta …

Cose mai viste! A 50 anni, Marinella Brambilla, la fatidica segretaria di Berlusconi (al suo servizio dall’età di 18 anni: era la figlia della governante), aspetta un maschietto! Il secondo marito lavora nella sicurezza del Banana, of course… (dagospia)

Instancabile, riservatissima, risoluta, imperturbabile. Sono gli aggettivi che meglio descrivono Marinella Brambilla, da oltre 30 anni assistente personale di Silvio Berlusconi (il termine segretaria è decisamente riduttivo nel suo caso). A lei spetta un posto decisamente di primo piano in quello che, con termine un po’ abusato, viene definito l’entourage del Cavaliere. Se non altro perché è praticamente cresciuta con Berlusconi: è infatti figlia dell’allora governante di via Rovani, la prima casa che il capo del governo acquistò nel pieno centro di Milano.

Fissò il primo appuntamento con Letta
Ecco perché, ha raccontato chi conosce la storia del premier, «Marinella è l’unica che può dire di aver fissato il primo appuntamento di tutti: compreso quello con Gianni Letta». Con l’unica rilevante eccezione di Fedele Confalonieri, legato a Berlusconi dagli anni del liceo. Come il Cavaliere, anche il presidente di Mediaset ha praticamente visto crescere Marinella, trattandola più come una figlia che come una segretaria. Tanto da raccomandarsi, come raccontò lei stessa una volta, di rientrare presto la sera quando, da poco diciottenne, iniziava a uscire la sera.
«Non mi sono mai sentita una loro dipendente», confermò anni fa, mostrando quell’affetto che la lega non solo al Cavaliere e a Confalonieri, ma anche a Veronica Lario, come ha dimostrato la presenza della ex signora Berlusconi al suo ricevimento di nozze, nel 2010. «Il dottore e Marinella sono praticamente una cosa sola»,  ha riferito chi da anni frequenta entrambi. Leggi tutto

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento