L'ultimo iceberg, le foto di Camille Sean

 "Tutte le cose si muovono verso la loro fine"

  
 L’Ultimo Iceberg è un frammento di un progetto più ampio intitolato "Melting Away", un documento sulle regioni polari del nostro pianeta, il loro ambiente, le forme di vita, la storia dell’esplorazione umana e le comunità che lavorano e vivono là.
Nick Cave, cantante e scrittore australiano, nella sua "Do You Love Me?" esprime questo pensiero: "Tutte le cose si muovono verso la loro fine." Gli iceberg, come nelle parole della canzone di Cave, danno l’impressione di muoversi individualmente in questo senso, lo fanno come uomini plasmati nei propri ambienti per vivere a modo loro, solamente una breve vita.  
Iceberg impegnati a percorrere lunghe distanze, viaggi di molti anni, subiscono l’ero-sione del tempo e degli elementi; altri  ►►

 


iceberg, impattano contro navi e rocce sommerse, ostacoli lungo il tragitto dove vanno a frantumarsi, trascinati via da correnti persistenti. Alcuni iceberg, come nella vita, crollano drammaticamente sotto la furia della passione.
Camille Sean, 38 anni, premiata fotografa americana, nota per le suggestive foto polari, ha "cristallizzato" nel suo “The Last Iceberg”, l’epilogo finale della vita degli iceberg, una raccolta d’immagini che considera simili a ritratti di persone, come foto dei suoi antenati:
"Cerco l’attimo della loro vita in cui trasmettono l’essenza di una personalità unica, alcune connessioni collegate alla nostra esperienza, uno squarcio della loro anima immortale".
"Fotografo tutto quello che mi interessa, incuriosisce, meraviglia e stupisce.
Gli iceberg sono stoici, masse incandescenti di tempo e d’esperienza. Qui in Antartico, al cospetto dell’Ultimo Iceberg, ho trovato il mio pianeta".
Liberamente tradotto da Camille Seaman -The Last Iceberg  

 

 

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

3 thoughts on “L'ultimo iceberg, le foto di Camille Sean

  1. speriamo che i ghiacci non si sciolgano…..e soprattutto che l’uomo rispetti di + la natura!

  2. Capuncione la speranza è che non si sciolgano del tutto, purtroppo il danno sembra già fatto, molti profili dei ghiacciai sono cambiati perché si stanno liquefando.

  3. devo riconoscere che anche io mi sento un po’ alla deriva… mi capita di scontrarmi con gli ostacoli che trovo sulla via e con gli altri iceberg, è un’incontrollata deriva verso uan qualche fine

Lascia un commento