L’intelligenza artificiale ha imparato a eludere la censura internet in Cina, India e Kazakistan

Il team di ricercatori ha creato uno strumento di apprendimento automatico che può “imparare” a eludere la censura di Internet. Finora ha trovato dozzine di percorsi intorno alla censura di Internet in Cina, India e Kazakistan.
I governi autoritari spesso limitano l’accesso alle informazioni online al fine di controllare le narrazioni e prevenire il dissenso. Il rapporto della Freedom House del 2019 sulla libertà globale di Internet ha evidenziato che la Cina ha continuato a essere il “peggior abusatore”, mentre la libertà di Internet è diminuita negli Stati Uniti, Sudan, Brasile, Kazakistan e in molti altri paesi.
I tentativi di eludere la censura di Internet si sono trasformati in una corsa per tenere il passo con i mezzi in costante cambiamento per limitare l’accesso alle informazioni online, con gli attivisti per la libertà di Internet che devono cercare manualmente i mezzi per eludere la censura del governo. Il nuovo strumento, chiamato Ginevra (abbreviazione di Genetic Evasion), potrebbe dare agli attivisti un vantaggio in questa lotta, allenandosi trova soluzioni alternative per queste restrizioni.
Ginevra è stata creata da un team d’informatici guidati da ricercatori dell’Università del Maryland. Dave Levin professore d’informatica all’università del Maryland, autore principale dello studio, ha detto:
«Per la prima volta con Ginevra abbiamo un grande vantaggio nella corsa agli armamenti della censura. Ginevra rappresenta il primo passo verso la nuova corsa agli armamenti in cui i sistemi d’intelligenza artificiale di censori ed evasori competono tra loro. Vincere questa gara in definitiva significa portare la libertà di parola e la comunicazione aperta negata a milioni di utenti in tutto il mondo».
Ginevra è un “algoritmo genetico”, un tipo d’intelligenza artificiale d’ispirazione biologica che combina piccoli pezzi di codice (analogo al DNA) per sperimentare strategie di evasione per spezzare, organizzare e inviare pacchetti di dati trasferiti attraverso Internet. Ginevra nel mantenere le piccole sezioni di codice più efficaci, sostituisce il resto con ogni nuova “generazione”, perfezionando la sua capacità di eludere la censura a ogni iterazione.
La forma comune di censura su Internet funziona monitorando i pacchetti inviati durante le ricerche su Internet , bloccando le richieste che contengono parole chiave sensibili (ad esempio: Piazza Tiananmen) o nomi di dominio vietati (ad esempio: Wikipedia, Twitter). Utilizzando Ginevra, questi termini potrebbero essere mascherati suddividendo e trasmettendo dati in determinate configurazioni, rendendo più difficile per i censori limitare l’accesso alle informazioni.
Ginevra attraverso test contro finti censori e contro veri censori in Cina, India e Kazakistan, è stata in grado di trovare dozzine di modi in precedenza sconosciuti per aggirare la censura attraverso la manipolazione dei pacchetti. Ha anche scoperto i bug che i ricercatori sostengono essere “praticamente impossibili” da trovare manualmente.
Dave Levin ha detto:
«Ginevra inverte completamente il modo in cui i ricercatori in genere affrontano il problema della censura, di solito identifichiamo come funziona una strategia di censura, poi escogitiamo strategie per evitarla. Ora lasciamo che Ginevra capisca come sfuggire al censore, quindi apprendiamo quali strategie di censura, sono state utilizzate vedendo come Ginevra le ha sconfitte».
I ricercatori hanno in programma di rilasciare i loro dati e codice nella speranza che fornisca un accesso aperto alle informazioni nei paesi in cui Internet è limitato. Il team riconosce che potrebbero esserci molte ragioni per cui le persone che vivono sotto regimi autocratici potrebbero non voler o essere in grado di installare lo strumento sul proprio computer.
I ricercatori stanno esplorando la possibilità di distribuire Ginevra sul computer che fornisce il contenuto bloccato (noto come server) anziché sul computer alla ricerca di contenuto bloccato (noto come client). Ciò significherebbe che senza richiedere agli utenti di configurare nulla sul proprio computer, siti come Wikipedia o la BBC potrebbero essere disponibili a chiunque all’interno dei paesi che attualmente li bloccano, come Cina e Iran.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →