L’immersione più profonda in Antartide rivela un mondo vibrante pieno di vita (Video)

Nessuno sa veramente cosa c’è nell’oceano profondo in Antartide. Ora abbiamo la tecnologia per raggiungere le profondità oceaniche. Jon Copley scienziato, esploratore di acque profonde, per la serie Blue Planet II della BBC è diventato il primo a scendere a 1.000 metri sott’acqua in Antartide. Le creature esotiche che ha trovato ti stupiranno.
Il team di Blue Planet II nel corso di oltre quattro anni, ha organizzato 125 spedizioni, visitato 39 paesi, girato in tutti gli oceani, trascorso oltre 6.000 ore sott’acqua per portarci più vicini che mai alle affascinanti vite di alcune delle più straordinarie creature marine (vedi video).

Jon Copley ha scritto:
«La mia ricerca esplora colonie di animali sul fondo dell’oceano, per comprendere i modelli di vita nelle profondità marine che coprono la maggior parte del nostro mondo. Studiando la vita marina in habitat “isolani” come le prese d’aria idrotermali, il mio lavoro nelle profondità oceaniche esamina le interazioni tra ecologia (“chi fa cosa”), biogeografia (“chi vive dove”) ed evoluzione (“chi è imparentato con chi”).
Ho più di venti anni di esperienza nell’esplorazione delle profondità oceaniche, tra cui importanti spedizioni a bordo di navi da ricerca, utilizzando veicoli occupati da umani (HOV) e veicoli a distanza (ROV), alla scoperta di nuove specie di animali di acque profonde.
Nel giugno del 2013 sono diventato il primo inglese a immergersi per più di 5 km nell’oceano, prendendo parte alla prima immersione con un veicolo occupato dall’uomo per esplorare le prese d’aria idrotermali più profonde del mondo; durante le riprese della serie Blue Planet II della BBC, nel dicembre 2016 ho partecipato alle prime immersioni con veicoli occupati dall’uomo scendendo a una profondità di 1 km nell’Antartico.
Poiché le nostre vite quotidiane sono collegate all’oceano profondo in modi che raramente realizziamo, collaboro con i documentaristi per condividere l’esplorazione dell’oceano profondo con persone di tutto il mondo e interagire abitualmente con i media per sensibilizzare i problemi delle acque profonde.
Parlo spesso dell’esplorazione dell’oceano profondo a un pubblico che va dalla scuola locale e gruppi di comunità, a grandi eventi e festival.
Scrittore di “scienza popolare”, ho pubblicato più di 150 articoli su riviste e giornali come The Guardian, Nature e New Scientist, dove ero reporter e assistente editore di notizie.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →