L’esito della votazione UE del 4 e 5 luglio sul copyright potrebbe davvero distruggere Internet per come lo conosciamo

Gli occhi delle persone quando si dice “legge sul copyright”, si appannano. Il diritto d’autore non è l’argomento più interessante. E’ argomento oscuro, ora si sta facendo strada attraverso la complessa burocrazia che è il Parlamento Europeo, l’organo legislativo dell’UE altrettanto arcano.
Eppure c’è ampio motivo di prestare attenzione perché l’esito della votazione sul copyright del 4 e 5 luglio 2018 potrebbe essere disastroso per come conosciamo Internet. L’esito del voto avrà un forte impatto su innumerevoli argomenti che ci interessano, dal selfie, all’intrattenimento online, alla popolare parodia e memi. Ecco perché.
Iniziamo da come la legge sul copyright tutti i giorni si ripercuote direttamente sugli utenti d’internet, per esempio, queste attività, o una loro versione, sono cose che probabilmente hai fatto di recente:
– caricare una nuova immagine del profilo Twitter indossando la tua maglietta preferita di Star Wars;
– condividere un selfie davanti alla Torre Eiffel;
– trasmettere in diretta in streaming un estratto di un concerto su Facebook Live;
– condividere un meme di “Game of Thrones” su Reddit;
– vedere un divertente video parodia su YouTube.
Alcune delle attività menzionate, realmente infrangono le regole europee del copyright, mentre altre si concedono nell’ambito delle eccezioni di citazione o della parodia. Conoscete quali sono? Forse potrebbe non importare se le norme sul diritto d’autore appena adottate dal Parlamento europeo diventeranno legge, non si potrà mai più pubblicare online nessuno di questi contenuti con la stessa libertà. Inoltre, molti dei nostri memi, video e podcast preferiti potrebbero scomparire dal mondo digitale.
E’ questo il risultato della tecnologia di filtraggio che le piattaforme online devono installare per adeguarsi alle norme adottate in materia di diritto d’autore. Come possiamo immaginare, questi strumenti di filtraggio probabilmente non sanno distinguere quale contenuto è parodia e quale no.
Molte immagini, video e colonne sonore che sono diventate parte quotidiana delle conversazioni online – ad esempio, Carpool Karaoke o One Does Not Simply Walk in Mordor meme – preventivamente sarebbero ora bloccati dalle piattaforme online mettendo in atto aggressivi sistemi di sorveglianza e censura su Internet. Per esempio, ami quell’analisi di un episodio di “Westworld” su YouTube? Include frammenti della canzone a tema, quindi è probabile che rimanga impigliato nella rete dei diritti d’autore. Ti piace l’affascinante thread su Reddit con le teorie dei fan del “Game of Thrones”? Presenta lo screenshot dello show, anche questo è catturato in rete dal filtro del copyright.
La lotta per questa norma è stata interpretata come un gigantesco detentore di diritti contro la piattaforma online. Le vere vittime in realtà saranno i creatori di contenuti e gli stessi seguaci. C’è un’amara ironia in gioco: registi, attori, cantautori e artisti che beneficiano della condivisione virale delle loro creazioni si scontrano ora con i loro fan, che in realtà sono tra i più efficienti artisti di marketing su cui possono contare online.
Il risultato di questo processo di “riforma” del diritto d’autore oltre a un impatto maggiore rispetto ai memi e alle nostre attività quotidiane su Internet, avrà anche un altro impatto, più insidioso: consolidare ulteriormente le piattaforme più ricche e più grandi nel mercato online. Google e Facebook hanno i mezzi tecnici e finanziari per gestire avanzati sistemi di filtraggio. Ironia della sorte, le imprese, cui è rivolta questa legge, stanno già filtrando i contenuti, per questo avranno un vantaggio competitivo rispetto ai loro rivali più piccoli e start-up, costretti a investire molto per rispettare la legge.
Ciò avviene all’apice del cosiddetto “teclash” (un termine moderno coniato da The Economist, descrive un’ipotetica reazione di società tecnologiche onnipotenti, come Google o Facebook), in cui i consumatori e i responsabili politici sono sempre più preoccupati per il crescente potere di queste enormi piattaforme. La decisione del Parlamento europeo di concedere maggiori poteri a queste imprese sembra quindi doppiamente ottusa.
L’UE chiaramente è pronta ad adottare un approccio molto imperfetto al copyright: un sistema in cui abbondano i falsi positivi, in cui uno strumento “colpevole fino a prova innocente”  su tutte le piattaforme prende decisioni sui nostri contenuti: tutte le pagine dai depositi di codici sorgente, alle sezioni di commenti, alle pagine meme e quelle dell’arte saranno minacciate.
Ciò è particolarmente sconcertante solo poche settimane dopo che l’UE ha attuato la GDPR (Regolamento generale sulla protezione dei dati  e sulla privacy). Sembrava che il Parlamento stesse attuando correttamente la politica tecnologica, ma non in questo caso.
Fortunatamente, la campagna a Bruxelles non è ancora finita, la votazione cruciale si svolgerà al Parlamento europeo dal 4 al 5 luglio 2018. Le voci degli utenti, dei creatori di contenuti e delle piccole aziende europee sono state ampiamente ignorate, ma c’è un’ultima possibilità per mostrare ai legislatori europei che non vogliamo cedere internet a giganteschi titolari di diritti e a grandi piattaforme: interpellare i nostri membri del Parlamento europeo per far sentire il nostro malcontento.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento