Lesione renale acuta causata dal coronavirus Covid-19

Ricercatori statunitensi hanno evidenziato che oltre un terzo dei pazienti con coronavirus Covid-19 ricoverati in un grande complesso ospedaliero di New York ha sviluppato un danno renale acuto, circa il 15% ha richiesto la dialisi.
Lo studio è stato condotto da un team di Northwell Health, il più grande fornitore di servizi sanitari nello stato di New York. Kenar Jhaveri, capo associato di nefrologia presso la scuola di medicina di Hofstra / Northwell a Great Neck, New York, i cui risultati dello studio “La malattia renale è associata alla morte in ospedale di pazienti con Covid-19″ sono stati pubblicati nella rivista Kidney International, ha detto:
«Tra i primi 5.449 pazienti ricoverati, il 36,6% ha sviluppato l’insufficienza renale acuta, il 14,3% con insufficienza renale ha richiesto la dialisi».
L’insufficienza renale acuta (IRA) è una sindrome caratterizzata dalla rapida perdita della funzionalità escretoria del rene, può avvenire nell’arco di ore o giorni; questo porta ad un’improvvisa diminuzione della produzione di urina e al rapido accumulo di prodotti scarto azotati nel nostro organismo, che sarebbero invece normalmente espulsi dal rene.
Lo studio americano è stato il più specifico nell’esaminare la lesione renale nei pazienti con coronavirus Covid-19, potrebbe essere utile mentre altri ospedali affrontano nuove ondate di pazienti con la malattia causata dal nuovo coronavirus Covid-19 (in data 16 maggio 2020 ha infettato oltre 4,6 milioni di persone e ucciso più di 308.000 persone in tutto il mondo).
È stato notato da diversi gruppi medici un aumento di tassi di insufficienza renale tra i pazienti con coronavirus Covid-19. Kenar Jhaveri e colleghi hanno deciso di quantificarlo analizzando le cartelle cliniche di 5.449 pazienti coronavirus Covid-19 ricoverati in ospedale tra il 1° marzo e il 5 aprile 2020. Hanno scoperto che l’insufficienza renale si è verificata all’inizio, con il 37,3% dei pazienti arrivati in ospedale con insufficienza renale o che hanno sviluppato la condizione entro le prime 24 ore dal ricovero. L’insufficienza renale in molti casi si è verificata nel periodo in cui i pazienti gravemente malati erano supportati dal ventilatore polmonare. Tra gli oltre 1.000 pazienti che avevano bisogno di un ventilatore polmonare, circa il 90% ha sviluppato insufficienza renale acuta, rispetto al 21,7% dei 925 pazienti che hanno sviluppato la condizione medica ma non hanno avuto bisogno di assistenza per la respirazione meccanica.
Kenar Jhaveri in conclusione ha detto:
«I pazienti molto malati sviluppano spesso insufficienza renale man mano che le loro condizioni diventano sempre più gravi. Non è specifico per il coronavirus Covid-19, è più legato a quanto sono malati. Tuttavia, conoscere la percentuale di pazienti a rischio per questa condizione potrebbe aiutare gli ospedali a pianificare le attrezzature e il personale necessari per i futuri picchi di coronavirus Covid-19».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →