L’elettricità da fonti rinnovabili potrebbe alimentare quasi tutta l’Europa

L’Europa ha risorse solari ed eoliche sufficienti per soddisfare interamente la sua domanda di elettricità da fonti rinnovabili. Il nuovo studio condotto da ricercatori dell’Istituto per gli Studi Avanzati sulla Sostenibilità (IASS) di Potsdam (mira a identificare e promuovere percorsi di sviluppo per una trasformazione globale verso una società sostenibile), mostra che molte regioni e comuni potrebbero soddisfare la loro domanda di elettricità utilizzando sistemi elettrici basati esclusivamente su fonti rinnovabili. Tuttavia, il loro sviluppo potrebbe aggravare la pressione sull’uso del territorio intorno alle aree metropolitane e alle grandi conurbazioni (fenomeno di espansione urbana con inglobamento nella città dei centri periferici minori).
I risultati dello studio sono sintetizzati online su una mappa interattiva che copre le regioni e le città d’Europa. Gli utenti possono semplicemente ingrandire la mappa fino a definire i confini, cliccare su una regione e leggere i dati identificativi del potenziale di generazione di elettricità da fonti energetiche rinnovabili in tutta Europa, con le regioni che potrebbero soddisfare la loro domanda di elettricità da fonti rinnovabili.
Tim Troendle principale autore dello studio pubblicato su Energy Strategy Reviews, ha detto:
«I nostri risultati mostrano quanto sia difficile soddisfare la domanda di elettricità da fonti energetiche rinnovabili, soprattutto nel caso di città densamente popolate come Berlino. La tecnologia è ora sufficientemente avanzata, ciò soddisferebbe la domanda se le aree metropolitane unissero le forze con le regioni circostanti».
Le regioni rurali e le aree urbane con estesi entroterra rurali potrebbero soddisfare la loro domanda di elettricità interamente da fonti rinnovabili: a livello locale, il 75% dei comuni può accedere a risorse solari ed eoliche sufficienti per soddisfare la loro domanda annuale di elettricità.

Raggiungere l’autarchia elettrica attraverso quattro livelli amministrativi
Lo sviluppo di un approvvigionamento energetico autonomo e rigenerativo richiede la disponibilità di sufficienti terreni che potrebbero essere utilizzati per la produzione di energia. Gli scienziati come parte della loro ricerca per lo studio, hanno raccolto dati per identificare aree e superfici ammissibili e determinare i rendimenti di elettricità rinnovabile a livello continentale, nazionale, regionale e comunale.
I ricercatori dello IASS e quelli dell’ETH di Zurigo, guidati dal professor Johan Lilliestam hanno determinato il potenziale tecnico dei sistemi fotovoltaici montati sul tetto e al suolo, nonché le turbine eoliche onshore e offshore, analizzando la disponibilità e l’idoneità delle aree terrestri.
La loro analisi tiene conto dell’attuale copertura e utilizzo del suolo da parte delle città nonché dell’uso agricolo; comprende anche altitudini e condizioni climatiche locali che potrebbero limitare la produzione di elettricità da fonti rinnovabili. Ciò ha consentito ai ricercatori di determinare il potenziale rendimento di elettricità, tenendo conto dei vincoli tecnici.
È emerso che non sarà possibile sfruttare il pieno potenziale tecnico dei futuri sistemi energetici  sostenibili, nel caso fossero vincolati a un’ampia accettazione in tutta la società. I ricercatori hanno escluso alcune aree come le riserve naturali e quelle destinate alla semina, in cui le infrastrutture energetiche danneggerebbero il paesaggio o impedirebbero le attività agricole.
I dati sul consumo di elettricità del 2017 sono stati utilizzati per valutare la domanda. I ricercatori in linea con le analisi precedenti, sono stati in grado di dimostrare che a livello continentale e nazionale il potenziale tecnico e sociale dell’elettricità rinnovabile è superiore alla domanda.
Lo studio riporta che le regioni, tuttavia, per raggiungere anche l’autarchia dell’elettricità a livello subnazionale, dovrebbero destinare grandi estensioni e talvolta l’intero territorio non edificato alla produzione di elettricità da energie rinnovabili.

Le prospettive per l’Europa
Applicando i vincoli socio-tecnici, la produzione totale potenziale di elettricità a livello continentale è di 15.000 TWh, più di quattro volte la domanda attuale. L’Europa anche alla presenza di forti vincoli sociali, che riducono il potenziale tecnico di oltre il 90%, potrebbe ancora generare abbastanza elettricità da fonti rinnovabili per raggiungere l’autonomia elettrica a livello continentale, e in ogni singolo paese.
I ricercatori a livello regionale e comunale, vedono il relativo potenziale più basso all’interno dei confini della città: ad esempio, Oslo mostra il potenziale più basso, poiché meno di un quarto della domanda di elettricità della città può essere soddisfatta attraverso la generazione di energia locale da fonti rinnovabili; anche altre aree urbane non hanno un potenziale tecnico e sociale sufficiente, tra cui Parigi, Dublino e Berlino: queste città potrebbero raggiungere l’autonomia elettrica cooperando con le regioni circostanti per formare regioni metropolitane autosufficienti.
Lo studio tuttavia evidenzia che il perseguimento dell’autarchia locale può concentrare la generazione di elettricità in aree già densamente popolate, un risultato che può o no essere auspicabile e che le regioni dovrebbero prendere in considerazione.
Tim Troendle in conclusione ha detto:
«In definitiva, si tratta di un equilibrio tra l’autosufficienza e un uso più intensivo del territorio locale, da un lato, e dall’altro, l’accettazione delle importazioni e una maggiore cooperazione con altri comuni, regioni e paesi europei».
L’autosufficienza dell’elettricità rinnovabile al 100% in linea di principio è possibile a tutti i livelli amministrativi, da quello continentale a quello regionale, e spesso anche a livello comunale, soprattutto se si possono stabilire meccanismi per il commercio di elettricità tra regioni e paesi.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →