L’egoismo e l’altruismo? Dipende tutto dalla materia grigia …

Il volume di una piccola regione del cervello influenza la propria predisposizione per il comportamento altruistico. I ricercatori dell‘Università di Zurigo, hanno dimostrato che le persone che più di altri si comportano altruisticamente, hanno più materia grigia a livello della giunzione tra il lobo parietale e temporale: per la prima volta hanno evidenziato una connessione tra anatomia del cervello, attività cerebrale e il comportamento altruistico.

Perché alcune persone sono molto egoiste e altri molto altruista?
Precedenti studi hanno indicato che le categorie sociali, come sesso, reddito o istruzione, difficilmente può spiegare le differenze nel comportamento altruistico. Recenti studi di neuroscienze hanno dimostrato che le differenze nella struttura del cervello potrebbero essere legate a differenti tratti di personalità e abilità. Ora, per la prima volta, un team di ricercatori dell’Università di Zurigo, diretto da Ernst Fehr, Direttore del Dipartimento di Economia, mostrano l’esistenza di una connessione tra l’anatomia del cervello e il comportamento altruistico.
I ricercatori per indagare se le differenze nel comportamento altruistico hanno un nesso con cause neurobiologiche, hanno chiesto ai volontari di dividere i soldi tra di loro e un altra persona anonima. I partecipanti hanno sempre avuto la possibilità di sacrificare una certa porzione del denaro a beneficio dell’altra persona. Tale sacrificio può essere considerato altruista perché aiuta qualcun altro a proprie spese.
I ricercatori hanno trovato differenze significative a questo riguardo: alcuni partecipanti, raramente sono stati disposti a sacrificare denaro per beneficiare il prossimo; altri sono stati molto altruisti.

Più materia grigia
Lo scopo dello studio, tuttavia, era quello di scoprire perché ci sono tali differenze. Studi precedenti avevano dimostrato che una certa regione del cervello – il luogo dove i lobi parietali e temporali si incontrano – è legata alla capacità di mettersi nei panni degli altri per capire i loro pensieri e sentimenti. L’altruismo probabilmente è strettamente legato a questa capacità. I ricercatori, di conseguenza, hanno sospettato che le differenze individuali in questa parte del cervello potrebbero essere legate a differenze nel comportamento altruistico.

Le differenze di attività cerebrale
I partecipanti allo studio, nel decidere come dividere i soldi, hanno mostrato notevoli differenze nell’attività cerebrale: nel caso di persone egoiste, la piccola regione del cervello dietro l’orecchio è già attiva quando il costo del comportamento altruistico è molto basso. In persone altruiste, questa regione del cervello diventa più attiva solo quando il costo è molto elevato. La regione del cervello è attivata in modo particolarmente forte quando le persone raggiungono i limiti della loro disponibilità a comportarsi altruisticamente.
Ernst Fehr, ha aggiunto:
“Sono risultati entusiasmanti, tuttavia non si deve arrivare alla conclusione che il comportamento altruistico è determinato solo da fattori biologici. Il volume della materia grigia è anche influenzato dai processi sociali.
Il risultato solleva la questione affascinante se sia possibile, attraverso una formazione adeguata e norme sociali, promuovere lo sviluppo delle regioni del cervello che sono importanti per il comportamento altruistico“.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “L’egoismo e l’altruismo? Dipende tutto dalla materia grigia …

Lascia un commento