Le sigarette elettroniche possono danneggiare i vasi sanguigni

Il fumo di sigarette elettroniche, chiamato anche svapo, è stato commercializzato come alternativa sicura alle sigarette a base di tabacco, è in crescente popolarità tra gli adolescenti non fumatori.
Il nuovo studio dei ricercatori della Perelman School of Medicine University of Pennsylvania riporta che una singola sigaretta elettronica anche quando lo svapo è completamente privo di nicotina, può essere dannosa per i vasi sanguigni del corpo. I risultati sono stati pubblicati su Radiology.
I ricercatori per studiare gli impatti a breve termine dello svapo, hanno eseguito esami di Risonanza Magnetica per Immagini (RMI o MRI) su 31 adulti sani e non fumatori prima e dopo aver svapato con una sigaretta elettronica senza nicotina. Confrontando i dati ottenuti prima e dopo la risonanza magnetica, il singolo episodio di svapo ha ridotto il flusso sanguigno e la funzione endoteliale nella grande arteria (femorale) che fornisce sangue alla coscia e alla gamba. L’endotelio, che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni, è essenziale per una corretta circolazione del sangue, una volta che è danneggiato, le arterie s’ispessiscono e il flusso di sangue al cuore e il cervello può essere interrotto, con conseguente attacco cardiaco o ictus.
Felix W. Wehrli, professore di scienze radiologiche, biochimica e biofisica nel dipartimento di radiologia dell’University of Pennsylvania, ricercatore principale dello studio, ha detto:
«Il liquido della sigaretta elettronica mentre può essere relativamente innocuo, il processo di svapo può trasformare le molecole – principalmente glicole propilenico e glicerolo – in sostanze tossiche.
Oltre gli effetti nocivi della nicotina, abbiamo dimostrato che lo svapo ha un effetto improvviso e immediato sulla funzione vascolare del corpo, potenzialmente a lungo termine potrebbe portare a conseguenze dannose».
Le sigarette elettroniche sono dispositivi a batteria, convertono il liquido in aerosol, che è inalato nei polmoni degli utilizzatori. Il liquido generalmente contiene nicotina che crea dipendenza, così come gli aromi. Lo svapo è diventato particolarmente popolare tra gli adolescenti negli Stati Uniti, dove più di 10 milioni di adulti usano le sigarette elettroniche. Sebbene vi sia un certo consenso sul fatto che lo svapo può essere meno dannoso per la salute rispetto al fumo di tabacco, i pericoli delle sigarette elettroniche non sono ancora chiari.
I ricercatori in questo studio hanno esaminato l’impatto di una sigaretta elettronica che conteneva glicole propilenico e glicerolo con aroma di tabacco, ma senza nicotina, da cui i partecipanti allo studio hanno completato 16 svapate di tre secondi l’una: per valutare la reattività vascolare, prima hanno stretto con un laccio emostatico i vasi della coscia e poi, dopo il suo rilascio, hanno misurato quanto velocemente scorreva il sangue.
Utilizzando una procedura di risonanza magnetica multiparametrica, hanno scansionato l’arteria femorale e la vena della gamba prima e dopo ogni episodio di svapo per vedere come cambiava la funzione vascolare.
I ricercatori hanno poi eseguito un’analisi statistica per determinare le differenze di gruppo nella funzione vascolare prima e dopo lo svapo. Hanno osservato, in media, una riduzione del 34% della dilatazione dell’arteria femorale. L’esposizione alle sigarette elettroniche dopo il rilascio del laccio emostatico ha portato anche a una riduzione del 17,5% del picco del flusso sanguigno, del 20% di ossigeno venoso e del 25,8% di accelerazione del sangue.
Alessandra Caporale, ricercatrice nel Laboratorio imaging strutturale, fisiologico e funzionale all’Università della Pennsylvania, ha detto:
«I risultati suggeriscono che lo svapo può causare cambiamenti rilevanti al rivestimento interno dei vasi sanguigni. Le sigarette elettroniche sono pubblicizzate come non dannose, molti utenti sono convinti che stiano inalando solo vapore acqueo, ma dopo lo svapo, i solventi, aromi e additivi nella base liquida, gli espongono a molteplici danni alle vie respiratorie e ai vasi sanguigni».
Il professor Felix W. Wehrli, ha osservato questi cambiamenti sorprendenti dopo che i partecipanti (che non hanno mai fumato prima) hanno usato una sigaretta elettronica una sola volta. Sono necessarie successive ricerche per affrontare i potenziali effetti negativi a lungo termine dello svapo sulla salute vascolare, considera le sigarette elettroniche potenzialmente molto più pericolose di quanto ipotizzato in precedenza. Il suo gruppo di ricerca all’inizio di quest’anno, ad esempio, ha scoperto che l’esposizione acuta alle sigarette elettroniche causa un’infiammazione vascolare. Ha detto:
«Vorrei avvertire i giovani di non iniziare a usare le sigarette elettroniche. La convinzione comune è che la nicotina è ciò che è tossico, ma abbiamo scoperto che esistono pericoli, indipendentemente dalla nicotina.
Chiaramente, se c’è un effetto dopo un singolo utilizzo di una sigaretta elettronica, allora potete immaginare che tipo di danno permanente potrebbe essere causato dopo anni di regolare svapo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →