Le sedie umane di Bert Loeschner

Sarebbe divertente imbattersi in una sedia monoblocco in plastica che fa l’autostop in cerca di un passaggio alla discarica? Grazie al design Bert Loeschner, possiamo dire di aver visto l’insolita ma divertente immagine (vedi foto).
Bert Loeschner è uno di quegli artisti che antropomorficamente con spiccato spirito di animazione, infondono la vita negli oggetti che scelgono. Il suo oggetto preferito è la sedia monoblocco in plastica, sempre presente, quindi paradossalmente invisibile.
Bert Loeschner, nel suo lavoro Monoblocco, ha creato una serie stravagante di opere con semplici sedie di plastica, rimodellate in forme intriganti e umoristiche.
Il calore è il principale strumento di lavoro di Loeschner, riesce a rimodellare le più comuni sedie di plastica in una serie di figure quasi umane, con i braccioli delle sedie di plastica trasformati in braccia provviste di mani: in queste immagini, fanno presa per tenere un ombrello (vedi foto), oppure stringere le corde per dondolarsi in altalena (vedi foto).
Tra le tante situazioni umane create dall’inventiva dell’artista, non poteva mancare quella della sedia che si siede sul muretto (vedi foto).

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento