Le persone affette da SLA possono trarre beneficio da un maggior consumo di glucosio

La nuova scoperta di un team di ricerca guidato dall’Università dell’Arizona, ha evidenziato che l’aumento del glucosio, trasformato in energia, potrebbe dare alle persone con sclerosi laterale amiotrofica, o SLA, una migliore mobilità e allungare l’aspettativa di vita.
I medici sanno da qualche tempo che le persone con SLA subiscono cambiamenti nel loro metabolismo, spesso porta a una rapida perdita di peso in un processo chiamato ipermetabolismo.
Ernesto Manzo, ricercatore nel Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare, autore principale dello studio pubblicato su eLife, ha detto:
«L’ipermetabolismo può essere un ciclo inarrestabile. Le persone con SLA rispetto a quelle senza malattia mentre riposano utilizzano più energia, contemporaneamente spesso lottano per utilizzare efficacemente il glucosio, l’ingrediente specifico di cui un corpo ha bisogno per produrre più energia.
Gli esperti non sanno esattamente cosa succede nelle cellule di un paziente per causare questa disfunzione o come alleviarla. Il nostro progetto è nato per analizzare questi dettagli».
Lo studio ha rivelato che quando ai neuroni affetti da SLA è somministrato più glucosio, trasformano quella fonte in energia con cui sono in grado di sopravvivere più a lungo e meglio. Aumentare l’apporto di glucosio alle cellule, quindi, può essere un metodo per soddisfare l’elevato, anormale fabbisogno energetico dei pazienti affetti da SLA.
La SLA è comunemente una malattia progressiva, alla fine toglie ai pazienti la capacità di camminare, parlare e persino respirare. L’aspettativa di vita media di un paziente SLA dal momento della diagnosi è di due – cinque anni.
Daniela Zarnescu, professoressa di biologia molecolare e cellulare dell’Università dell’Arizona, tra gli autori dello studio, ha detto:
«La SLA è una malattia devastante, caratterizzata da una paralisi progressiva dei muscoli scheletrici compresi quelli degli arti, della deglutizione, della fonazione e della respirazione.
Precedenti studi sul metabolismo nei pazienti affetti da SLA si sono concentrati principalmente su ciò che accade a livello dell’intero corpo, non a quello cellulare. Il fatto che abbiamo scoperto un meccanismo di compensazione mi ha sorpreso, questi neuroni compromessi e degenerativi hanno mostrato una resilienza incredibile. E’ un esempio di come le cellule sono sorprendenti nel gestire lo stress».
La novità di questi risultati in parte è dovuta al metabolismo dei pazienti affetti da SLA che è rimasto poco compreso, è difficile da studiare, anche a causa della limitata accessibilità al sistema nervoso.
Gli scienziati poiché non possono rimuovere i neuroni dal cervello senza causare danni irreparabili a un paziente, come modello hanno utilizzato i moscerini della frutta. Ernesto Manzo ha detto:
«I moscerini della frutta possono insegnarci molto sulle malattie umane, con Daniela Zarnescu in laboratorio abbiamo usato microscopi ad alta potenza per osservare nel loro stato larvale i motoneuroni dei moscerini della frutta, prestando particolare attenzione a ciò che induce alla maggiore fornitura di glucosio».
I ricercatori hanno scoperto che quando hanno aumentato la quantità di glucosio, i motoneuroni vivevano più a lungo e si muovevano in modo più efficiente; quando hanno tolto il glucosio dai neuroni, la larva del moscerino della frutta si è mossa più lentamente.
Daniela Zarnescu in conclusione ha detto:
«I nostri dati forniscono essenzialmente una spiegazione del perché questo metodo potrebbe funzionare. Il mio obiettivo è di convincere i medici a eseguire uno studio clinico più ampio per testare la nostra idea».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →