L’autostrada Route 66 ti suona la musica quando la percorri rispettando i limiti di velocità (Video)

Route 66 è l’autostrada più leggendaria degli Stati Uniti, nota anche come Main Street of America o Mother Road, fu una delle prime autostrade originali all’interno del sistema statunitense Highway. Fondata l’11 novembre 1926, originariamente correva da Chicago, Illinois, attraverso il Missouri, il Kansas, l’Oklahoma, il Texas, il New Mexico e l’Arizona, prima di terminare a Santa Monica, in California. La strada copre un totale di 3.755 km, è diventata una delle destinazioni più popolari in tutto il mondo.
Lungo la Route 66, oltre a un po’ di distributori di benzina e una ragnatela di linee elettriche che proiettano le loro ombre sulla carreggiata a due corsie, non c’è molto da vedere, ma per un tratto di 448 metri, c’è molto da sentire con la musica proveniente dalla strada.
New Mexico Department of Transporation (NMDOT), insieme al National Geographic Channel e Sun Bar Construction Corp., nel 2014 ha deciso di ravvivare il tratto particolarmente desolato della Route 66.
Sun Bar Construction Corp., una società specializzata nella progettazione e costruzione di segnaletica di controllo del traffico, materialmente ha creato un tratto di 448 metri vicino a Tijeras e Albuquerque, dall’asfalto emette musica con le note della meravigliosa “America the Beautiful”.
La musica si può ascoltare solo quando si viaggia a 72,5 km/h, che è il limite di velocità. Lo scopo della strada è duplice: incoraggiare i conducenti a mantenere il limite di velocità e portare un po’ di brio a un’autostrada altrimenti monotona.

Ecco come funziona l’autostrada musicale
Tutte le note sonore e musicali sono ascoltabili con l’aiuto delle vibrazioni attraverso l’aria, per esempio, qualsiasi cosa che vibra 330 volte in un secondo, produce una nota di “Mi” su una corda per chitarra, un diapason o anche un pneumatico!
Gli ingegneri della San Bar Construction Corp. dopo aver calcolato la velocità della macchina (72,5 km/h), la relativa posizione sull’asfalto delle scanalature rumorose a una distanza di 6 centimetri per essere toccate 330 volte in un secondo durante il passaggio della macchina, hanno scomposto la musica per applicare la stessa tecnica su ciascun spazio secondo quali note dovevano essere più lunghe e quali più corte.
Gli ingegneri dopo aver ricavato il dato delle varie distanze, hanno saldato insieme le barre di metallo per creare una sagoma. Dopo aver riscaldato l’asfalto nelle sezioni interessate, hanno pressato la sagoma sul pavimento (vedi video).

Tutto sommato, in autostrada, in un giorno sono state installate le strisce rumorose e dipinte le note musicali. I cartelloni posti nel tratto musicale di 448 metri, istruiscono i conducenti a rimanere entro il limite di velocità se vogliono ascoltare le note della canzone.
Frank Sanchez, responsabile delle operazioni di San Bar Construction Corp., ha detto:
«Ciò che gli automobilisti sentono dipende dall’auto o dal camion: le dimensioni delle gomme di un veicolo possono influenzare il tono della canzone. La larghezza delle gomme, i loro componenti e i rumori ambientali che provengono da sotto ogni singolo veicolo possono cambiare il modo in cui la canzone suona».

Strade ritmiche nel mondo
Attualmente ci sono solo tre strade ritmiche in tutto il mondo, in Danimarca chiamata “Asphaltophone“; in Giappone chiamata Melody Road.
Il costruttore di automobili Honda nell’ambito di una campagna pubblicitaria la strada ritmica l’ha fatta costruire vicino a Lancaster, in California.
Forse un giorno ogni autostrada suonerà una canzone, dopo tutto, cos’è un viaggio senza un’epica playlist?

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →