L'astronave di Steve Jobs, potrà ospitare tredicimila dipendenti

La città di Cupertino ha rivelato nuovi dettagli sui piani di Apple per costruire la mega struttura circolare a forma di astronave

Apple Campus 2 - AstronaveLa città adesso è nel bel mezzo del processo di revisione dei piani di Apple. Il primo passo della revisione comporta una valutazione d'impatto ambientale che valuterà il traffico, il rumore, la qualità dell'aria e fornirà al pubblico l'opportunità per un commento.
Secondo i piani dell'azienda, il nuovo quartier generale, comprenderà la struttura di quattro piani, denominata "Apple Campus 2", un Auditorium Corporate per 1.000 persone, mentre le nuove infrastrutture di ricerca occuperanno 300.000 metri quadrati.
L'obiettivo del progetto di Apple è di "massimizzare l'efficienza", creare per i propri dipendenti "un luogo di lavoro caratteristico, ispirato al 21° secolo", e "superare gli obiettivi di sostenibilità economica, sociale e ambientale attraverso lo sviluppo e la progettazione integrata".
L'Astronave è stata progettata per ospitare fino a 13.000 dipendenti. La struttura utilizzerà un proprio impianto per ridurre la sua dipendenza dall'elettricità fornita dalla rete elettrica della città.
Il CEO di Apple Steve Jobs, a giugno, nel corso di una riunione del consiglio comunale, rivelò i piani per il nuovo campus ("l'edificio sede migliore del mondo"), descritto come una navicella spaziale atterrata sulla terra.
La recente crescita aziendale, grazie all'impennata delle vendite di iPhone e iPad, ha costretto Apple a trovare nuovi edifici. Secondo Steve Jobs, Apple ha dovuto affittare edifici "a raggio sempre maggiore" dalla sua sede attuale di One Infinite Loop, dove lavorano circa 2.600 dipendenti.
Apple con l'esigenza di assumere nuovo personale (ha già 12.000 occupati in zona), potrebbe diventare troppo grande anche per il nuovo impianto.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento