L’antico DNA rivela come i gatti hanno conquistato il mondo

Gli esseri umani convivono con i gatti da compagnia da ben 9.500 anni. Gli archeologi di Cipro nel 2004 hanno trovato uno scheletro completo di gatto sepolto in un villaggio risalente all’Età della Pietra. Giacché Cipro non ha gatti selvatici autoctoni, probabilmente il gatto (o forse i suoi antenati) millenni di anni fa è stato portato sull’isola.
Eppure, nonostante la nostra lunga storia di allevamento di gatti da compagnia e la loro odierna popolarità, i felini non sono i più facili da addomesticare (come potrebbe essere d’accordo, chiunque abbia provato più volte la fredda indifferenza di un gatto).
E’ emerso nella documentazione archeologica che non ci sono molte indicazioni su come i gatti siano diventati nostri amici e si siano diffusi in tutto il mondo.
Ora un nuovo studio sul DNA pubblicato su Ecology and Evolution suggerisce come i gatti possano aver seguito lo sviluppo della civiltà occidentale lungo le rotte commerciali terrestri e marittime. Tale processo è stato poi aiutato da un tentativo di allevamento più concertato nel XVIII secolo, creando il tanto amato gatto domestico a pelo corto o “soriano” che conosciamo oggi.
L’origine del gatto addomesticato è ancora un mistero, sembra che il processo di conversione abbia richiesto molto tempo. I gatti poiché sono indipendenti, territoriali e, a volte, addirittura antisociali, non sono facili da addomesticare.
E’ probabile che i gatti abbiano vissuto in prossimità degli esseri umani per molti secoli prima di soccombere all’attrazione del caminetto e del cuscino, per diventare veri compagni degli esseri umani.
Il gatto trovato a Cipro corrisponde al periodo neolitico tra il 10.000 e il 4.000 a.C., l’ultimo periodo dell’Età della Pietra collegato alla rivoluzione agricola e dell’allevamento, prima di ovini e in seguito anche di bovini. L’uomo iniziava a stabilirsi, diventava contadino dopo la precedente esistenza come nomade cacciatore-raccoglitore durata 200.000 anni.
Il precedente studio del DNA di altri resti antichi conferma che i gatti domestici sono comparsi per la prima volta in quello che gli archeologi chiamano il Vicino Oriente, la terra all’estremità orientale del Mediterraneo dove sono affiorate alcune delle prime civiltà umane.
Le attività agricole pongono i loro problemi, comprese le infestazioni di ratti, quindi forse non è sorprendente che sia in questo momento che vediamo la prima comparsa di un gatto sepolto in una tomba umana, non è difficile immaginare che i primi contadini possano aver incoraggiato i gatti a rimanere in zona aiutandoli con il cibo durante i periodi di magra e permettendo loro di entrare nelle loro case.
Le lacune nella documentazione archeologica indicano che, dopo i resti di Cipro, le tracce di gatti domestici non appaiono di nuovo per migliaia di anni; altre tombe di gatti iniziano ad apparire tra gli antichi reperti egiziani (anche se ci sono prove di gatti addomesticati nel periodo dell’Età della Pietra in Cina).
E’ in Egitto che i gatti non solo sono diventati parte della famiglia, ma anche oggetti di culto religioso. Gli autori del nuovo studio per tracciare la diffusione del gatto domestico, hanno esaminato il DNA prelevato da ossa e denti di resti di antichi gatti. Hanno anche studiato campioni di pelle e pelo di gatti egiziani mummificati. Hanno scoperto che tutti i gatti moderni hanno antenati tra i gatti del Vicino Oriente e dell’Egitto, anche se il contributo di questi due gruppi al patrimonio genetico dei gatti di oggi è probabilmente avvenuto in tempi diversi.
L’analisi del DNA suggerisce che i gatti domestici sono distribuiti su un periodo di circa 1.300 anni fino al V secolo d.C., con ritrovamenti registrati in Bulgaria, Turchia e Giordania: nei successivi 800 anni, si sono sparsi ulteriormente nell’Europa settentrionale, ma fu solo nel XVIII secolo che il tradizionale mantello del gatto selvatico cominciò a cambiare in maniera sostanziale al modello attuale.
E’ emersa un’altra scoperta interessante, i gatti domestici fin dai primi tempi, quando l’uomo si spostava in nuove parti del mondo, si accoppiavano con i gatti selvatici locali, diffondevano i loro geni attraverso la popolazione. E, nel processo, hanno cambiato definitivamente il patrimonio genetico dei gatti della zona.
Ciò è particolarmente importante per gli sforzi odierni volti a proteggere il gatto selvatico europeo in pericolo, poiché gli ambientalisti ritengono spesso che l’incrocio con i gatti domestici sia una delle maggiori minacce per la specie. Se questo accade in tutto il vecchio mondo da circa 9.000 anni, allora forse è ora di smettere di preoccuparsi dell’allevamento di gatti selvatici con i gatti locali.
Lo studio suggerisce che nessuna delle specie esistenti di gatti non addomesticati può essere pura, infatti, la capacità dei gatti di incrociarsi li ha aiutati a conquistare il mondo.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →