L’acufene cronico è legato ai cambiamenti in alcune reti cerebrali

L’acufene cronico, un tintinnio o ronzio nelle orecchie, ha eluso il trattamento medico e la comprensione scientifica. Il nuovo studio dei ricercatori dell’Università di Illinois ora ha scoperto che l’acufene cronico è associato a cambiamenti di alcune reti nel cervello, inoltre, tali cambiamenti inducono il cervello a rimanere più attento e meno a riposo.
La ricerca fornisce ai pazienti la convalida delle loro esperienze e la speranza per le future scelte terapeutiche.
Fatima Husain, professore di scienze uditive e di udito presso l’Università dell’Illinois, responsabile dello studio ha detto:
«L’acufene è invisibile, non può essere misurato da nessun dispositivo, non è come il diabete o l’ipertensione, quindi puoi avere questo suono costante nella tua testa, ma nessuno può sentirlo e forse non ti crederanno, pensando che sia tutto nella tua immaginazione. A livello medico possiamo gestire solo alcuni sintomi, non curarli, perché non comprendiamo la loro origine.
Il fattore che nei pazienti ha complicato la ricerca sull’acufene è la sua variabilità. Tra soggetti umani ci sono molte variabili, ad esempio durata, causa, gravità, concomitante perdita dell’udito, età, tipo di suono, e altro ancora, fattori che hanno portato a incoerenti risultati di studio.
La nostra ricerca con l’utilizzo della risonanza magnetica funzionale per esaminare modelli attraverso la funzione e la struttura del cervello, ha scoperto che l’acufene è nella testa dei pazienti, per essere precisi in una regione del cervello chiamata precuneo.
Il precuneo è collegato a due reti inversamente correlate nel cervello: la rete di attenzione dorsale, è attiva quando qualcosa impegna l’attenzione di una persona; la rete di modalità predefinita, collegata alle funzioni di “background” del cervello, riguarda la persona che è a riposo e non pensa a niente in particolare».
Sara Schmidt partecipa al gruppo di ricerca di Fatima Husain presso il Laboratorio di Neuroscienze Cognitive, ha aggiunto:
«In pratica quando la rete di modalità predefinita è accesa, la rete di attenzione dorsale è spenta e viceversa. Abbiamo scoperto che il precuneo dei pazienti in acufene sembra avere un ruolo in quella relazione. I risultati sono stati pubblicati nella rivista NeuroImage: Clinical.
Lo studio convalida le esperienze dei pazienti, correlato all’aumento dell‘acufene è oggettivo e invariante. Ciò implica per i pazienti acufeni di non essere veramente a riposo, anche quando riposano, potrebbe spiegare perché più persone spesso affermano di essere stanche. Inoltre, la loro attenzione più del necessario può essere impegnata maggiormente con il loro acufene, riducendo l’attenzione ad altre cose. Il fastidioso acufene potrebbe essere il motivo di problemi di concentrazione.
Lo studio nei pazienti con acufeni di recente insorgenza tuttavia non hanno mostrato differenze nella connettività precunea, le loro scansioni sembravano più simili ai gruppi di controllo. E’ un motivo di domanda di quando e come i cambiamenti nella connettività del cervello iniziano e se possono essere impediti o diminuiti.
Non sappiamo in futuro cosa accadrà a questi pazienti con recente insorgenza, quindi il prossimo passo della ricerca è di seguire le persone subito dopo che hanno sviluppato l’acufene e vedere se è possibile individuare quando con il precuneo iniziano ad accadere questi tipi di cambiamenti».